Chiamati dai vicini all’alba di sabato, i carabinieri di Garbagnate Milanese hanno colto sul fatto una coppia di Solaro che stava tentando una rapina in farmacia mentre il figlio piccolo dormiva a casa da solo.

Mamma e compagno ladri, colti sul fatto e arrestati

Alcuni movimenti sospetti, l’auto a motore acceso. Tanto è bastato a insospettire i residenti di via Montenero a Garbagnate Milanese che sabato, alle 4.30 del mattino, hanno chiamato i carabinieri. I militari hanno lì fermato una 38enne italiana, a bordo dell’utilitaria sospetta davanti alla farmacia della via.  Nel frattempo, da una finestra laterale, le cui inferriate erano state allargate mediante l’uso di un crick, è uscito un uomo (poi identificato in un 41enne già noto per reati contro il patrimonio). Notata notata la presenza dei militari ha abbandonato la cassa in un cespuglio e si è dato alla fuga a piedi, venendo immediatamente bloccato. La perquisizione veicolare ha consentito il recupero di vari attrezzi da scasso.

In casa il bottino di altre rapine dai tabaccai, e il figlio piccolo a letto

La perquisizione si è estesa alla casa della coppia, a Solaro. Qui i carabinieri hanno trovato anche diverse confezioni integre di accendini, cartine e filtri, ritenuti provento di furto. Inoltre, nell’abitazione è stato trovato il figlio della donna, di 6 anni, che dormiva. I due sono stati arrestati per tentato furto aggravato e ricettazione, mentre la donna è stata denunciata anche per abbandono di persona incapace. Il minore è stato affidato ai nonni materni. Nel corso della direttissima, celebrata ieri mattina, gli arresti sono stati convalidati e l’uomo è stato condotto a San Vittore, mentre la donna è stata sottoposta all’obbligo di dimora, entrambi in attesa della definizione del procedimento penale.