Una questione di cuore più che di gambe. “Noi con l’Italia-Udc” ha presentato i candidati che sosterranno il centrodestra con il cuore, perché della coalizione si sentono il cuore, non la quarta gamba, come qualcuno li ha definiti.

La presentazione

La formazione del centro si è presentata, non poteva essere altrimenti, in un locale del centro storico. Perché storico è anche il simbolo che li rappresenta, quello scudocrociato con il quale molti dei candidati sono cresciuti. A fare gli onori di casa, l’assessore monzese Pierfranco Maffè. “Partendo dal territorio si può fare politica insieme cambiando l’Italia”, ha commentato.

Il ritorno della “Zarina”

E’ toccato quindi a Rosella Panzeri, ex sindaco di Monza, candidata in Regione  prendersi la scena. Qualche anno fa aveva deciso di ritirarsi dalla vita politica, oggi ha invece “accolto l’invito di vari amici per portare in Regione le istanze della Brianza”. “Lo scudocrociato mi fa sempre battere il cuore. Ci caratterizza la capacità di stare con la gente».

Gli altri

Anche il resto della “truppa” ha accettato la sfida. Come Bruno Molteni con alle spalle una vasta esperienza nell’ambito ospedaliero oltre che come consigliere provinciale. E come Biagio La Spada, un passato di assessore a Desio e Luisa Arosio, macheriese della lista Fare -che è confluita nel nuovo partito –  hanno accolto con favore la nuova sfida per portare avanti principi ed ideali in cui credono da sempre. E’  nuova alla politica Barbara Foti, professoressa che si è candidata su invito di un amico.

La sfida di Riga

Non è un volto nuovo Domenico Riga, uscito polemicamente da Forza Italia e pronto a impegnarsi in questa nuova avventura come nelle precedenti e pronto anche a percorrere la Brianza in bici per incontrare la gente, come fatto in occasione di altre consultazioni in compagnia dell’amico Stefano Carugo, ex consigliere regionale presente in sala. Con lui c’era anche il macheriese Giancarlo Porta, che dopo l’esperienza con la Lega e con Fare ha ritrovato lo scudocrociato «che già era caro a mio padre». Porta è candidato al Senato nel Collegio Lombardia 3. “Ascoltare è fondamentale”, ha osservato l’ex sindaco di Arcore, Antonio Nava che ha supportato la squadra di centro

Leggi anche:  Grave incidente ad Albiate, tre feriti

Formigoni e la stoccata ai…Fratelli

A chiudere la presentazione, Roberto Formigoni, ex presidente di Regione Lombardia oggi candidato al Senato, che non le ha mandate a dire gli alleati: “Siamo lontani  dalle urla di Salvini”. Il “Celeste” ha rivendicato un ruolo da protagonista nel Centrodestra, convinto che «Noi con l’Italia» potrà fare meglio di Fratelli d’Italia, pur senza nominare gli amici… rivali in casa. «Chiediamo rispetto. Nell’alleanza non siamo la terza gamba, ma semmai la terza. Siamo alternativi al Pd e incompatibili con i 5Stelle, che sono un pericolo per il nostro Paese».

Il programma e lo slogan

I due punti fondamentali del programma: la famiglia, che deve tornare al centro dell’attenzione e dei programmi di governo «perché il crollo delle nascite è uno delle cause del declino dell’occidente» e la riforma fiscale, «sempre con una politica che aiuti la famiglia, anche attraverso un’autonomia regionale». Per chiudere uno slogan che è anche un invito al voto, non nuovo ma sempre attuale: “Croce su croce, ti salvi l’anima e salvi l’Italia”.