Fingeva di essere un carabiniere e per rendersi più credibile esibiva tanto di distintivo. Ma era fasullo. Venerdì pomeriggio i Carabinieri di Limbiate hanno arrestato un 46enne di origini campane ma domiciliato a Nova Milanese.

Dal 2012 è accusato di truffa

Gli uomini dell’Arma lo hanno fermato durante un normale servizio di controllo sul territorio.  Procedendo alla verifica dei suoi dati, i militari hanno però scoperto che nei suoi confronti pendeva un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Napoli nel 2012. Il 46enne era accusato dai giudici partenopei di far parte di una associazione a delinquere finalizzata alle truffe ai danni di società finanziarie e commercianti

Indagini per capire se ha raggirato anche anziani

Durante la perquisizione, i carabinieri della stazione di via Monte Grappa hanno anche trovato in possesso dell’uomo la riproduzione del distintivo metallico dei Carabinieri. Quindi è stato deferito in stato di libertà per il reato di possesso di segni distintivi contraffatti.
E’ quindi probabile che il 46enne possa aver utilizzato quella piastrina metallica «patacca» per mettere a segno qualche illecito.
Sono pertanto in corso indagini per verificare se l’uomo si sia reso responsabile di truffe ai danni di anziani e fasce deboli, approfittando appunto del distintivo trovato in suo possesso