Piano piano la gran Dama torna a risplendere e nel 2018, presumibilmente tra maggio e giugno, ci sarà il fatidico taglio del nastro.

Oltre un migliaio di visitatori, durante il week end, hanno potuto apprezzare Villa Borromeo, in fase di ultimazione dei lavori di riqualificaizone portati avanti dalla società Italiana Costruzioni.

Ieri pomeriggio tour delle autorità

Insieme a coloro che si sono iscritti al tour della Villa, ieri pomeriggio abbiamo potuto ammirare alcune sale già finite, posizionate al piano terra, insieme a molte autorità.

Vips nostrani invitati direttamente dal sindaco Rosalba Colombo la quale, insieme all’assessore ai Lavori Pubblici Fausto Perego, ha fatto da Cicerone spiegando agli ospiti lo stato di avanzamento dei lavori.

Oltre ai consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, hanno accettato l’invito anche il luogotenente dei carabinieri, maresciallo Giovanbattista Torri, l’assistente capo della Polstrada, l’agente Maurizio Morganti, il parroco don Giandomenico Colombo accompagnato da don Gabriele Villa, neo responsabile della pastorale giovanile arcorese, il sindaco di Usmate Marilena Riva accompagnata dal marito, l’assessore di Carnate ed ex capo ufficio tecnico del Comune di Arcore Egidio Passoni.

Accanto ai visitatori c’era la “realtà aumentata”

Quello di sabato e domenica, per i tanti visitatori, è stato un viaggio nel tempo, tra passato, presente e futuro. Per scoprire e riscoprire la grande «Dama Bianca».  Una visita tutt’altro che virtuale, che è andata  addirittura oltre grazie alla realtà aumentata .
Questo il significativo progetto, inserito nell’ambito di «Ville aperte», che ha accompagnato i visitatori della Montagnola.

Leggi anche:  Arcore ricorda le vittime della strage in Florida

Si tratta di una innovativa proposta dello studio «Archè Design» di Ivan Coviello che ha sviluppato un’applicazione ad hoc per smartphone e tablet che i visitatori hanno potuto utilizzare in occasione della visita al cantiere di Villa Borromeo.

“In attesa del completamento, nel 2018, dei lavori di riqualificazione, la Provincia ha deciso che la regina dell’edizione 2017 di “Ville aperte” sarà la nostra “Dama Bianca” – ha spiegato il sindaco Colombo – Abbiamo quindi deciso di realizzare per l’occasione qualcosa di speciale. Ed è arrivata la bellissima proposta di Ivan Coviello per lo sviluppo di un’applicazione per la realtà aumentata”.

Tre in particolare le sale, al piano terreno, interessate dal progetto.  Si tratta dell’androne d’ingresso con relativo scalone che porta al piano superiore, della biblioteca e della sala degli stucchi. Semplicemente inquadrando dei marker, i visitatori sono stati guidati nella visita dalla presenza virtuale di Giulia Putaturo, responsabile del restauro della villa. Il visitatore ha potuto quindi apprendere informazioni sulla storia della villa, sul restauro e sul futuro, anche con immagini e ricostruzioni.