Buon compleanno «Floppy».

Sarà un sabato pomeriggio di festa (domenica in caso di pioggia) per la gelateria più cool di Arcore che si trova in via Casati 74. E non c’è un arcorese (e non solo) che non abbia provato, almeno per una volta nella vita, il buonissimo gelato preparato ogni giorno da papà Carlos e dal figlio Leandro Dimare. Ma a festeggiare con loro ci saranno anche Damian e Carla, fratelli di Leandro.

Carla, in particolare, si occupa dell’organizzazione degli eventi e della comunicazione.

E per fare un gelato così buono utilizzano solo frutta fresca, il pistacchio siciliano per preparare l’omonimo gusto di gelato e oltre cento litri di latte al giorno. E, quasi inutile sottolinearlo, il gusto più richiesto è quello della Nutella.

Sabato sarà una occasione speciale

Sabato, però, sarà una occasione speciale non solo per il ventesimo compleanno. Infatti i proprietari ricorderanno anche mamma Graciela, volata in cielo dieci anni fa.

E’ stata proprio lei a trasmettere ai figli la passione, il sorriso e la solarità nel portare avanti la gelateria, che, col passare degli anni, è diventata un vero punto di riferimento non solo per gli amanti del gelato, ma un luogo di ritrovo per le diverse compagnie di ragazzi della città.

Leggi anche:  Shopping e natura all'ex filatura di via Hensemberger

Truccabimbi, pagliaccio ed estrazione a premi

Per festeggiare al meglio l’anniversario ci sarà il truccabimbi, il pagliaccio con palloncini e una fantastica estrazione a premi. La gelateria Floppy è stata anche inserita recentemente sul «Vademecum del Goloso».

I proprietari, di origini argentine ma italianissimi, in Sud America avevano aperto una fabbrica di gelato industriale. Poi, diversi anni fa, si sono trasferiti in Italia e si sono cimentati con il gelato artigianale di qualità.

E quando hanno aperto il laboratorio ad Arcore hanno dovuto sfidare dei colossi del gelato arcorese come la gelateria «Day e Vay» e «l’Inferno». Ma la loro longevità testimonia il prodotto buono e genuino. E allora… buon compleanno al «Floppy»