Un poliambulatorio che permetterà a Cancro Primo Aiuto di ampliare i suoi servizi a favore dei malati oncologici e non solo. Si tratta di “Medica Etica”. Aprirà i battenti nei prossimi giorni, una volta espletate le ultime pratiche. Dove? In una palazzina di via Lambro a Seregno. Il centro sarà diretto dal dottor Amedeo Salvioni. Una realtà davvero importante quella del sodalizio il cui presidente onorario è il governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana.

Medica Etica, ennesima iniziativa di Cancro Primo Aiuto

L’iniziativa è stata presentata lunedì 9 aprile a Villa Walter Fontana a Capriano di Briosco alla presenza del direttore generale dell’Ats Brianza, Massimo Giupponi. A Seregno ha già sede il Centro Parrucche dell’associazione brianzola. Nel solo 2017 sono state ben 250 le donne malate di cancro e sottopostesi a chemioterapia che si sono rivolte allo sportello seregnese per ricevere gratuitamente una parrucca.

La terapia del dolore

L’attività del Centro Parrucche a favore delle donne che non trovano nella struttura ospedaliera dove sono in cura un servizio analogo continuerà. Ma sarà affiancata da nuovi servizi che nei prossimi mesi saranno implementati da Cancro Primo Aiuto. Il primo ad essere operativo sarà il servizio di terapia del dolore affidato al dottor Fabio Rubino, un’attività che non sarà limitata ai malati oncologici ma che sarà estesa anche ad altre forme di sofferenza.

Leggi anche:  Straniero furioso con Trenord: “10 milioni di utile, e i pendolari?”

Sostegno piscologico

Partirà subito anche il servizio di sostegno psicologico, supportato dalle psicologhe che già collaborano con Cancro Primo Aiuto. Nel tempo,  verrà anche implementato il servizio del “secondo parere”. Grazie alla disponibilità del dr. Alessandro Rossi, presidente del Comitato tecnico scientifico di Cancro Primo Aiuto, i pazienti, cartelle cliniche alla mano, potranno presentarsi allo sportello di Seregno per sottoporre la loro situazione e richiedere uno specifico parere ai medici dell’associazione brianzola. Tutti questi servizi sono gratuiti e i malati vengono solo invitati a fare un’offerta all’associazione per sostenere l’iniziativa.