Conto alla rovescia per estendere la rete fognaria lungo la Nazionale dei Giovi a Cesano Maderno. Imminente l’avvio dei cantieri, calendarizzato per lunedì 23 aprile.

Cesano, al via i lavori per portare le fognature sulla Nazionale dei Giovi

L’intervento è stato presentato ieri sera, al Centro Alex Langer dell’Oasi Lipu, nel corso di un incontro pubblico a cui hanno preso parte il Presidente di BrianzAcque, Enrico Boerci, il Sindaco Maurilio Longhin, l’Assessore ai Lavori Pubblici Celestino Oltolini e  numerosi cittadini residenti o con attività commerciali e imprenditoriali collocate lungo l’importante arteria di scorrimento.

Il dettaglio dei lavori

Poco meno di 600 metri, per l’esattezza 586, il segmento di asse stradale interessato dai lavori: dalla rotonda della Tenenza Carabinieri (altezza intersezione via Friuli/via S. Stefano) a via Cialdini, da dove prenderanno avvio. Il cronoprogramma prevede un tempo di esecuzione di 4 mesi, salvo imprevisti. Nel suo complesso, l’opera prevede il posizionamento delle tubature fognarie, il rifacimento del recapito ammalorato di via Cialdini e la realizzazione di una stazione di sollevamento per assicurare la pendenza di scorrimento dei reflui, in prossimità di via Cialdini-via Gramsci.

Leggi anche:  Nasce un sito per sbugiardare le fake news sulla salute

Quanto costerà

I costi sono pari a 390.000 euro, oltre agli oneri di sicurezza per altri 62.223 euro: fondi introitati con le bollette pagate dagli utenti e”reinvestiti” per mettere a punto un’opera necessaria, a servizio della collettività cesanese e del suo territorio.

I disagi dovrebbero essere minimi

I disagi causati dai cantieri dovrebbero essere minimi. Particolare attenzione sarà riservata alla circolazione stradale, ai residenti e alle attività imprenditoriali che sono presenti sull’importante arteria. I lavori procederanno step by step, a lotti di 50 metri con conseguente contrazione dei tempi di attesa per il transito (a circolazione alternata) e minor disagio per l’accesso alle singole proprietà private. Il sistema di scavi, posa e reinterro a blocchi permette infatti di liberare le aree stradali interessate dagli nel più breve tempo possibile.