Dopo le dimissioni dei vertici del Gruppo Gelsia sulla vicenda intervengono i sindaci dei Comuni soci: “Il valore del Gruppo AEB/Gelsia è patrimonio di tutti”

Dimissioni dei vertici di Gruppo Gelsia. Intervengono i sindaci soci

In merito alle notizie di stampa sulle vicende giudiziarie che coinvolgerebbero il Gruppo AEB/Gelsia, il Commissario straordinario del Comune di Seregno, Antonio Cananà, e i sindaci dei Comuni soci, in rappresentanza di oltre il 90% delle quote, precisano che “l’azienda è solida. È un patrimonio di un’intera comunità e, per questo, siamo tutti impegnati in prima linea per tutelare la società, i dipendenti e il
suo valore economico e sociale”.

Il piano industriale prosegue

Si apre ora una fase di transizione – fanno sapere in una nota i sindaci – che nelle intenzioni dei soci dovrà durare il tempo strettamente necessario. “Siamo in contatto diretto con il Commissario straordinario e tra noi per valutare, ora per ora, l’evolversi della situazione. Ma su una cosa dobbiamo essere chiari: il percorso di sviluppo industriale dell’azienda è tracciato. C’è un piano industriale che prosegue, indipendentemente dalle vicende giudiziarie che potrebbero coinvolgere singoli amministratori o dirigenti del Gruppo. Il valore del Gruppo AEB/Gelsia è un capitale di tutti”.

Il comunicato di AEB/Gelsia

E sulla questione è intervenuta poche ore fa anche AEB/Gelsia con un comunicato inviato agli organi di stampa. Che pubblichiamo integralmente:

“In relazione alle notizie di recente apparse sulla stampa, aventi ad oggetto il presunto coinvolgimento di rappresentanti del Gruppo AEB-Gelsia nell’ambito di indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Monza, si intende chiarire quanto segue.
Si comunica, in primo luogo, che i Presidenti di AEB, Gelsia e Gelsia Ambiente, in attesa di comprendere l’esatta natura delle contestazioni a loro rivolte, hanno deciso di rassegnare le dimissioni dalla carica.
Il Gruppo vuole ringraziare i Presidenti dimissionari per la professionalità e l’impegno dimostrati nel corso del loro mandato.
Da parte sua, il Gruppo – sottolineando che, allo stato, le presunte imputazioni debbono essere considerate come mere ipotesi giornalistiche – assicura la più ampia collaborazione all’Autorità Giudiziaria al fine di chiarire qualsiasi situazione abbia comportato la necessità di
verifiche e accertamenti.
In merito, inoltre, ai chiarimenti richiesti dalla Corte dei Corti all’Amministrazione Comunale di Seregno, le società del Gruppo confermano di aver dato al Comune la massima disponibilità e supporto al fine di consentire allo stesso di rispondere in modo puntuale alle
richieste pervenute.
Si ribadisce, infine, che il Gruppo AEB-Gelsia ha sempre operato nel pieno rispetto di tutte le norme vigenti, adottando procedure finalizzate ad assicurare la massima efficienza e trasparenza in ogni attività e, pertanto, ha dato incarico ad un legale di tutelare in tutte le sedi opportune la propria immagine”.