Gli studenti hanno disegnato per l’Aido. Si è chiusa l’ottava edizione del concorso grafico indetto dalla sezione dei donatori di organi di Besana. Ha visto protagonisti i ragazzi delle seconde medie dell’Istituto Don Carlo San Martino di Rigola e quelli delle terze della secondaria di primo grado di Briosco.

L’Aido tra i ragazzi

I ragazzi disegnano per l'aido
Il disegno di Martina Corciulo

“Un’immagine per la vita” è il titolo del concorso. Gli elaborati realizzati dai ragazzi sono stati esposti durante le varie iniziative firmate dall’Aido e sottoposti al giudizio del pubblico.

Una volta contati i voti, il presidente dell’Aido Besana Fabrizio Gatti ha premiato le migliori cinque opere per ogni scuola.

Ecco i vincitori. Per la Don Carlo San Martino: Sara Nobili, Mattia Beccalli, Ester Sironi, Anna Redaelli, Giorgio Valli.

Per la “Benedetto da Briosco”: Martina Corciulo, Rebecca Arosio, Gabriele Agostoni, Pietro Nobile e Giada Berardinetti.

I ragazzi disegnano per l'aido
Il disegno di Sara Nobili

“Grazie a professori e studenti”

“I nostri ringraziamenti vanno al professor Luca Tagliabue dell’Istituto Comprensivo Paritario “Don Carlo San Martino” di Rigola e alla professoressa Francesca Peddoni della scuola secondaria di primo grado di Briosco che hanno saputo gestire all’interno delle rispettive classi il nostro concorso con grande professionalità e sensibilità. Grazie a tutte le ragazze e ragazzi che hanno partecipato”, hanno commentato dall’Aido.
“Ultimo ma non per importanza, un ringraziamento alle dirigenti scolastiche delle due scuole, Simona Tagliabue e Elena Motta che gentilmente ci ospitano nelle loro sedi, sia per gli incontri con gli studenti, sia per le premiazioni. Speriamo in una lunga collaborazione con la nostra associazione”.

Leggi anche:  Arrivano la pista ciclopedonale e il parcheggio delle "Ziette" a Calò

“Il nostro percorso informativo per la diffusione della cultura alla donazione di organi, tessuti e cellule non finisce qui, prosegue con altre nuove iniziative”, hanno promessogli aidini.