Oggi pomeriggio si alza definitivamente il sipario sulla “nuova” Villa Borromeo di Arcore.

Mancano poche ore al fatidico taglio del nastro che sancirà la fine dei lavori di ristrutturazione della villa di delizia che si trova all’interno del parco Borromeo.

Cancelli chiusi dalle ore 16.30

L’Amministrazione comunale di centrosinistra, guidata da Rosalba Colombo, su indicazione della Prefettura, ha deciso di chiudere i cancelli dell’immenso parco alle ore 16.30 per agevolare l’arrivo degli ospiti illustri invitati al taglio del nastro.

La sicurezza verrà gestita dagli uomini della Protezione civile della città-

Dunque dopo le polemiche per gli inviti falsi, oggi è tempo di lasciare perdere le diatribe (forse) e gioire per il simbolo di Arcore che ritorna in vita dopo anni bui, nei quali ha seriamente rischiato di “implodere su se stessa”, come ha sottolineato il sindaco Rosalba Colombo. (LEGGI QUI)

Il lungo elenco degli ospiti

Tantissimi gli ospiti illusti che prenderanno parte al teglio del nastro. A partire dalla Giunta Colombo presente al completo, ai consiglieri comunali, alle Forze dell’Ordine fino al vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala.

Atteso anche l’arrivo del critico Vittorio Sgarbi mentre non è esclusa la presenza del “vicino” di casa di Villa San Martino Silvio Berlusconi.

Ovviamente non mancheranno gli operatori della comunicazione e potrete seguire gli attimi salienti dell’evento di questa sera sul nostro sito www.giornaledimonza.it e martedì sul Giornale di Vimercate. 

Progetti

Una riapertura, quella di Villa Borromeo, attesa da lungo tempo dagli Arcoresi e costata alle casse comunali circa 18 milioni di euro. Come già accennato nei mesi scorsi il piano nobile seminterrato rimarrà in piena disponibilità al Comune per mostre, eventi e catering.

Invece per gli altri due piani sono al vaglio diversi progetti tra cui l’insediamento della sede regionale del Parco Valle Lambro o del centro di recupero e restauro del legno in collaborazione con il Politecnico di Milano.

Numeri importanti per un’opera imponente

Numeri importanti quelli snocciolati dal primo cittadino. “Circa 540 giorni di cantiere, 40 operai all’opera tra ditte e artigiani e 15 restauratori, quasi tutte donne, una per ogni tipo di materiale – ha spiegato il sindaco – Se non fossimo intervenuti così celermente, la Villa sarebbe implosa in poco tempo”.

Costi e futuro

Sotto il primo aspetto l’assessore al Bilancio Valentina Del Campo, durante la conferenza stampa di presentazione della cerimonia di inaugurazione, che si è svolta qualche giorno fa in Municipio,  ha illustrato la situazione economica.

Leggi anche:  Buon compleanno «Floppy» la gelateria compie 20 anni

“Il costo totale dell’opera si aggira sui 10milioni di euro, comprese le spese tecniche – ha sottolineato Del Campo – Sulla base del contratto stipulato, abbiamo già versato un anticipo di 2,5 milioni di euro (2 milioni provenienti dalla vendita della società “Metano Arcore” mentre 500mila euro provenienti dallo Stato). A questa cifra si devono aggiungere altri acconti già versati per un totale di poco meno di 3 milioni di euro. Grazie a questi soldi già versati, siamo riusciti ad abbassare il canone che noi dovremo versare per 20 anni da circa 600mila euro a 400 mila euro, con un risparmio di circa 200mila euro. Questa operazione ci ha permesso anche di risparmiare 1,5 milioni di interessi sui 20 anni”.

In villa anche matrimoni di lusso

L’altro grande tema riguarda il futuro dello stabile. La progettazione, studiata con concezioni d’avanguardia, ha mirato alla possibilità di diversi usi. Al piano terra sarà possibile affittare gli spazi per eventi e matrimoni. Già più di una azienda arcorese ha prenotato gli spazi e una coppia le nozze in novembre.

Il regolamento riguardante i costi di affitto non è ancora pronto, ma sarà messo a punto nelle prossime settimane.

La gestione

“La gestione della Villa, con tutta probabilità, verrà affidata ad una società esterna specializzata», ha sottolineato il sindaco Colombo, mandando in soffitta l’idea di creare una fondazione per la gestione degli spazi. Confermato l’insediamento nei locali della Villa Borromeo della sede del Parco Valle Lambro (anche se non è chiaro se l’ente sborserà o meno un affitto) e la possibilità di collaborare con il Politecnico di Milano e con una Accademia di musica lirica. senza escludere mostre di alto livello.
L’inaugurazione ufficiale con tanto di taglio del nastro, dicevamo, è fissata per stasera. Un evento riservato solo alle autorità, mentre domani, sabato,  alle 20.45, ci sarà un grande evento per la cittadinanza.

L’Amministrazione comunale ha pensato di organizzare, nel pratone antistante la Villa Borromeo un concerto live tributo ai Queen.

Non mancherà anche il «light show video mapping» proiettato sulla facciata della Villa Borromeo.