Kartodromo, ricorso al Tar. Chiesti 3,5 milioni di euro di risarcimento al Comune.

A Giussano

Kartodromo, ricorso al Tar. Chiesti 3,5 milioni di euro di risarcimento al Comune.  Continua la querelle tra proprietà dello stabile in via Vivaldi e l’Amministrazione.  L’immobiliare B3 srl di Seregno, proprietaria dello stabile che avrebbe dovuto diventare un kartodromo, si è rivolta al Tribunale amministrativo regionale per chiedere l’annullamento del provvedimento, relativo al «diniego del permesso di costruire in deroga per l’intervento edilizio con cambio di destinazione d’uso dell’edificio in via Vivaldi».

Le motivazioni

Tra le motivazioni, l’avvocato Umberto Grella che ha redatto il documento, indica l’incompetenza, la violazione e falsa applicazione di una serie di articoli e l’eccesso di potere.

Le reazioni

Il primo cittadino Matteo Riva ha già dato incarico ad un legale, ma la notizia ha generato preoccupazioni tra le opposizioni.  Il consigliere Stefano Tagliabue (Lega nord) punta il dito sugli uffici comunali e teme una crisi finanziaria.

Leggi anche:  A Lazzate riconferma per la Lega, mandato bis per Loredana Pizzi

 

TUTTI I DETTAGLI DELLA NOTIZIA SUL GIORNALE DI CARATE IN EDICOLA DA MARTEDì 12 GIUGNO