Tutta la politica arcorese ieri sera, martedì, durante il Consiglio comunale, ha voluto ricordare la figura di Fabrizio Confalonieri (leggi qui).

L’avvocato arcorese, ricordiamo, è venuto a mancare lunedì sera della scorsa settimana nella sua abitazione, colpito da un malore (leggi qui)

E l’ha voluto fare proprio in quella che era diventata la seconda casa del 60enne avvocato, presidente del Consiglio comunale durante il primo mandato della Giunta Colombo e parte del secondo.

Il cordoglio del gruppo consigliare del Pd

Parole di cordoglio quelle espresse dal capogruppo Lucilla Ghezzi.

“Fabrizio era veramente una persona per bene, un buon amico che molti di noi hanno avuto l’opportunità di conoscere. Generoso e discreto, con un forte senso della comunità tanto da spendere tempo e competenze in diverse associazioni arcoresi”, ha sottolineato Ghezzi.

Enrico Perego e gli “errori” di Dio

Accorato il cordoglio dell’ex sindaco Enrico Perego che è parso molto provato, in Assise, a causa della perdita dell’amico Confalonieri.

“Fabrizio lo conoscevo fin da piccolo – ha sottolineato Perego – Aveva doti apprezzabili che ha saputo trasferire anche alla guida del Consiglio comunale. Forse qualcuno pensa che sopra di noi ci possa essere qualcuno che decide le sorti delle persone e magari, a volte, lo fa in modo brutale, lanciando delle frecce. Credo che questa volta quel Signore si è sbagliato di grosso e che abbia sbagliato mira”.

E le lacrime di Carlo Zucchi

Anche il consigliere comunale di “ImmaginArcore” Carlo Zucchi, visibilmente commosso e con la voce rotta dal pianto, ha voluto ricordare il suo ex compagno di partito quando Zucchi militava tra le fila del Pd.

“Anche io voglio ricordare Fabrizio – ha dichiarato Zucchi in aula – Con lui ho trascorso ben tre anni e mezzo nel Partito democratico condividendo con lui la mia prima fase politica. Era una persona con cui si poteva fare amicizia in pochissimo tempo. Gli si poteva chiedere qualsiasi cosa perchè era sempre disponibile ad aiutare. Una gentilezza che non si trova facilmente in politica e nella vita quotidiana. Questo Consiglio comunale è regolato da un Regolamento scritto a quattro mani da Fabrizio e da Simone Sgura. Regolamento che ci accompagnerà fino a fine legislatura. Questo sarà un modo per stare insieme a lui”.

Il momento di silenzio in ricordo dell’avvocato

Prima dell’inizio dei lavori dell’Assise i consiglieri comunali e gli assessori hanno dedicato all’amico Fabrizio Confalonieri un minuto di raccoglimento.

Leggi anche:  Inviti falsi per Villa Borromeo, denuncia contro ignoti del sindaco