“Pane in Piazza” a Seveso pronto alla 14esima edizione. Torna anche quest’anno nelle piazze sevesine l’iniziativa destinata a raccogliere fondi per il Centro Missionario dell’Opera Don Guanella di San Miguel Teotongo, a Città del Messico.

Appuntamento per domenica 15

“Pane in Piazza” si svolgerà nella mattinata di domenica 15 aprile. Sui sagrati delle chiese cittadine sarà allestito infatti un gazebo con la vendita di speciali panini realizzati da alcuni panificatori della città: il panificio Baio, il panificio Fratelli Spreafico, il panificio Santambrogio Massimo e il panificio Tagliabue Luciano. Ognuno dei panificatori preparerà un pane speciale (semi vari, multicereali, soia, avena) per un totale di oltre 700 sacchetti che saranno venduti all’esterno delle chiese di Baruccana, Altopiano, San Pietro (qui anche all’esterno del seminario) e Seveso Centro.

“Un aiuto sempre prezioso”

Tra i promotori dell’iniziativa, oltre ai panificatori, c’è chiaramente l’Unione Commercianti, nella cui sede di Corso Marconi è stata appunto presentata l’iniziativa e il Comune di Seveso. In occasione della presentazione ospiti anche il sindaco Paolo Butti e il presidente dell’Associazione Territoriale di Seveso dell’Unione Commercianti, EugenioPicozzi, che ha così commentato: “Il ringraziamento maggiore va ai panificatori, che nonostante le difficoltà riescono sempre ad essere presenti e ad organizzare Pane in Piazza”. “L’iniziativa è stata presentata con i migliori auspici. Ogni anno si sono visti i risultati, grazie alle donazioni della cittadinanza. Speriamo se ne possano ottenere ancora di molto importanti” il commento del primo cittadino.

Leggi anche:  Giovanna ha perso 50 chili in un anno, la sua storia su Real Time FOTO

Continua la solidarietà

L’iniziativa, arrivata appunto alla 14esima edizione, permetterà di raccogliere il denaro che servirà alla realizzazione di una caffetteria, dove sarà presente un punto vendita dei prodotti da forno realizzati dal laboratorio già avviato con le offerte delle precedenti edizioni. “Un laboratorio utilizzato da disabili, anziani e persone in difficoltà, per aiutarli nella vita e nel lavoro” spiega Luigi Baio, uno dei panificatori. A rendere poi testimonianza dell’operato e degli interventi fatti ci penserà poi don Mario Riva, sacerdote guanelliano che sarà ospite il prossimo 1 agosto in città.