Protesta studentesca: una delegazione di giovani è stata ricevuta dal prefetto

Un dialogo aperto

Questa mattina una delegazione di rappresentanti dell’Unioni degli Studenti è stata ricevuta dal Prefetto Giovanna Vilasi.  Dopo la manifestazione con corteo di ieri, svoltasi nell’ambito della giornata nazionale della mobilitazione studentesca, si è aperto un dialogo tra i giovani e la prefettura.

Le interviste agli studenti che ieri hanno manifestato sono disponibili qui e qui.

Le preoccupazioni degli studenti

L’incontro si è svolto in un clima di dialogo proficuo. I rappresentanti hanno manifestato le proprie preoccupazioni.

In primo luogo: la mancanza di adeguate risorse finanziarie atte a garantire la qualità del del sistema pubblico di formazione (con particolare riferimento al settore dell’edilizia scolastica e dei trasporti).

Le critiche si sono poi concentrate sull’attuale strutturazione del sistema di alternanza scuola-lavoro. Le modalità attuative si concretizzerebbero – a detta degli studenti – in percorsi spesso non idonei a offrire competenze qualificanti e in linea con il percorso di studi seguito.

Leggi anche:  Aveva rubato sushi all'Esselunga "condannato" ad andare a scuola

Nell’intervista, un giovane studente dell'”Enriques” di Lissone racconta la propria esprezienza di scuola-lavoro.

Il risultato dell’incontro

Per far fronte a tali criticità, i rappresentanti degli studenti hanno auspicato l’avvio di una fase di confronto con le istituzioni. Viene richiesto lo stanziamento di congrue risorse per il settore dell’istruzione publica e una significativa modifica del sistema di alternanza scuola-lavoro.

La prefettura si è dichiarata disponibile a collaborare con gli studenti, al fine di favorire l’elaborazione di un progetto diversificato ed adeguatamente strutturato per ciascun indirizzo scolastico.