Rifiuti davanti ai cassonetti dell’Humana e persone che vanno a rovistare. Le segnalazioni sono arrivate dal quartiere San Giovanni Battista di Desio.

“Ne siamo a conoscenza”

«Siamo a conoscenza della situazione – evidenziano da Humana – Siamo sempre impegnati a contrastare fenomeni di degrado e ancora di più in questo momento dell’anno, che coincide con il cambio dell’armadio e durante il quale le donazioni di abiti crescono. Per tutelare le donazioni dei cittadini svuotiamo con regolarità i contenitori per evitare che si accumulino troppi capi e da inizio maggio, proprio in concomitanza con l’aumento delle donazioni, abbiamo incrementato i giri per lo svuotamento da due a tre volte la settimana. Stiamo inoltre lavorando per sostituire gradualmente tutti i contenitori con quelli dotati di tecnologia anti intrusione».

Numerosi i progetti

L’organizzazione opera a favore di chi ha bisogno: «Per questo ci appelliamo ai cittadini perché continuino a donare i propri abiti per sostenere i progetti di Humana. Negli ultimi tre anni a Desio sono stati raccolti oltre 258mila chili di indumenti, con importanti risultati anche per la tutela dell’ambiente, evitando l’emissione di oltre 929mila chili di anidride carbonica e lo spreco di oltre un miliardo e 549milioni litri di acqua. Inoltre, ha scongiurato l’uso di 77mila chili di pesticidi e di 154mila chili di fertilizzanti». Si possono conferire nei contenitori: capi e accessori d’abbigliamento, scarpe, borse e zaini e biancheria per la casa (sempre in sacchetti ben chiusi). Materiali diversi non possono essere né conferiti né abbandonati nelle vicinanze. Per segnalazioni e info: milano@humanaitalia.org – 02-93.96.40.30