Settimana della salute in rosa: dal 16 al 22 aprile negli ospedali di Monza e Desio visite e consulti clinici, diagnostici e informativi offerti gratuitamente a tutte le donne.

Settimana della salute in rosa

Dal 16 al 22 aprile negli ospedali di Monza e Desio, premiati dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna con l’assegnazione dei “Bollini Rosa”, sono in programma visite e controlli gratuiti in diverse specialità cliniche. L’iniziativa, nata per promuovere l’informazione e i servizi per la prevenzione e la cura delle principali malattie femminili, coinvolge assieme all’Asst di Monza, altri 180 ospedali in Italia.

L’elenco di visite e controlli gratuiti

Durante l’intero periodo, che cade proprio in corrispondenza della Giornata nazionale della salute della donna (il 22 aprile) nelle strutture ospedaliere di Monza e Desio sarà possibile ad esempio effettuare pap-test,  visite ginecologiche, ecografie mammarie, visite neurologiche, reumatologiche e di diabetologia. Ma anche prendere parte a corsi di danza in fascia e pilates per donne in gravidanza.

L’elenco completo di visite ed esami prenotabili gratuitamente è disponibile sul sito www.asst-monza.it . Sul portale troverete anche indicazioni di date, orari e modalità di prenotazione.

Leggi anche:  Bollo auto esenzione per tre anni per chi rottama una vecchia macchina

Nel 2017 oltre 400 controlli

“L’anno scorso – spiega il Direttore Generale della ASST di Monza, Matteo Stocco – hanno risposto all’iniziativa più di 400 donne, segno che l’iniziativa è stata accolta con grande favore dall’universo femminile. Confidiamo nella più ampia adesione”.

“Prendersi cura in maniera consapevole”

La settimana della salute in rosa “rappresenta uno degli appuntamenti che mi stanno più a cuore tra quelli promossi da Onda nel corso dell’anno – commenta Francesca Merzagora, Presidente dell’Osservatorio. Hanno aderito oltre 180 ospedali in tutte le regioni italiane mettendo a disposizione molteplici servizi gratuiti che coinvolgono ben 15 specialità cliniche.  L’(H) Open week offre alle donne la possibilità di pensare alla propria salute e a prendersene cura in modo più consapevole” – ha concluso Merzagora.