L’ospedale di Vimercate avrà a disposizione per la malattie croniche del fegato la nuova sofisticata apparecchiatura “fibroscan”. Sarà operativa dalle prossime settimane.

Il funzionamento del macchinario

Questa innovativa tecnica permette di eseguire un esame, assolutamente non invasivo, è
paragonabile, come rischio, a una ecografia epatica. Si basa sulla rilevazione delle caratteristiche
del tessuto epatico in 10 diverse aree del fegato. Ciascuna di queste ha una dimensione maggiore di
180 volte di quella di una biopsia epatica. Ciò permette una valutazione molto più affidabile delle
condizioni di tutto l’organo e non solo di un singolo campione, come avviene invece con una
biopsia. Proprio per la sua non invasività può essere ripetuto anche a distanza di pochi mesi,  ad  esempio perverificare l’efficacia di una terapia antivirale sulla guarigione di una epatite virale cronica. L’esame è a carico del sistema sanitario regionale, viene eseguito dagli specialisti epatologi
dell’ospedale di Vimercate.

I medici del reparto

Il servizio di epatologia con i suoispecialisti Tino Donzelli e Luca Beltrame fa parte   del dip  ar timento di medicina internadell’ospedale di Vimercate diretto da Giuseppe Vighi. Il servizio si trova nel nuovo day hospital del dipartimento internistico, aperto nel dicembre scorso e ubicato al primo piano. Oltre agli ambulatori ci sono nove posti letto a cui fanno riferimento tutte le specialità internistiche.“Con l’arrivo del fibroscan la nostra azienda si arricchisce ulteriormente di una nuova
apparecchiatura che permetterà di eseguire esami più approfonditi e sicuri –  commenta Pasquale Pellinodirettore generale dell’Asst Vimercate – Il nostro centro diepatologia è un importante centro di riferimento del territorio ”.