Ilaria Brusadelli da giovedì, per tutta Italia, è Alice, una dei protagonisti del film “Gli sdraiati” di Francesca Archibugi tratto dal celebre libro di Michele Serra sulla generazione degli svogliati.
Ilaria è nata a Rho diciassette anni fa ma è cresciuta a Seregno, dove vive con mamma Angela, papà Maurizio e la sorellina Giulia di undici anni. Frequenta il quarto anni di Relazioni internazionali e marketing all’istituto Primo Levi (“Come va lo studio? Bene, ma diciamo che dipende dalle materie e dagli argomenti”, si racconta).

Sul set per caso

Al suo debutto sul grande schermo, la studentessa seregnese è stata scelta tra centinaia di ragazze e al provino c’è arrivata un po’ per caso. “E’ stata un’amica di mia mamma – racconta – a intercettare un volantino delle audizioni, con i profili dei ragazzi che la produzione stava cercando”.
L’amica di mamma ci aveva visto lungo. Passati i provini, Ilaria è finita davanti alle telecamere, accanto a Claudio Bisio, che nel film interpreta Giorgio, giornalista di successo che fatica a dialogare con il figlio che cresce e cerca i suoi spazi, quel “Tito-studente-sdraiato” che si innamora di Alice, la sua nuova compagna di classe.

Leggi anche:  Natale è arrivato in anticipo a Besana

Genitori-figli a confronto

A differenza dei suoi coetanei raccontati nel film, Ilaria ha le idee chiarissime: “Non mi ci rivedo proprio in questi ragazzi svogliati, annoiati, e perennemente sul divano, senza sogni e senza progetti”, racconta lei, che si descrive “sincera nel bene e nel male”, ammette di non avere il dono della puntualità e spera di diventare attrice ma ha già pronto un piano B, l’iscrizione a Giurisprudenza. Nel film, tra Alice e la mamma, interpretata dall’attrice Antonia Truppo, sono solo incomprensioni e litigi. Un rapporto conflittuale che niente ha a che vedere con quello che Ilaria ha con i suoi genitori: “I problemi ci sono anche tra me e loro, ed è normale visto che siamo di due generazioni diverse, ma niente di così estremo come nel film. Alice – confessa la bella studentessa del Levi – si comporta malissimo con sua mamma e qualche volta le avrei mollato qualche sberla pure io”.