Una monzese alla conquista di Sanremo. La 23enne Alice Grasso è stata una delle protagoniste del musical che racconta la storia della musica italiana.

Sanremo Musical

Sulle origini del nome Alice ci sono molte incertezze. E’ difficile stabilire l’esatta etimologia del termine. Ma una cosa è certa: in tutte le probabili (e anche in quelle improbabili) definizioni, c’è la «nobiltà» alla base di quel nome. Nobile come il mare, come la bellezza o come le ninfe. Ma nobile, anche, come la musica. Ed è proprio questa arte che batte forte nel petto della monzese Alice Grasso, cantante e attrice, cresciuta sui palcoscenici di mezza Brianza, facendo la gavetta come tutte le vere «stelle» dello spettacolo, ora pronta a fare il grande salto. E non si parla di una favola, Alice, questa volta non è nel «Paese delle meraviglie». E’ davvero la star di un evento straordinariamente unico e concreto, che potrebbe aprirle le porte per il successo: è stata scelta come protagonista, unica brianzola tra tutti gli altri interpreti provenienti da ogni parte della nostra Penisola, nella kermesse «Sanremo Musical».

Brianzola doc con la musica nel sangue

Monzese doc, innamorata della sua città, domiciliata ad Agrate, ma da sempre stregata dal seducente fascino del capoluogo della provincia brianzola. «Monza è una città che ho sempre amato – ha raccontato – Per la sua atmosfera ricca di luci, scorci romantici e per il fatto che ci sono cresciuta. L’estate scorsa mi sono esibita per strada nelle vie del centro con il chitarrista e mio carissimo amico Vincenzo Angrisani per vedere se la mia arte fosse apprezzata dalla gente della mia città. Abbiamo avuto riscontri più che positivi. E questo mi ha sorpreso: quando racconti te stessa con la tua arte non sai mai ciò che può succedere e a Monza sono stata capita e apprezzata. Per me questa è stata una grande vittoria. Nel 2011 ho vinto il premio “città di Monza” al teatro Manzoni: una grandissima emozione anche perché ero piccola, è stato un primo importante successo. E sempre sul palco del Manzoni, l’anno scorso insieme allo staff dell’Opera Populaire, abbiamo registrato il tutto esaurito con “Cats”». Appassionata di pattinaggio artistico sincronizzato, è stata un elemento essenziale della squadra «Astro Skating» fino al 2011. Un mondo, quello del pattinaggio, che è dovuto scivolare via «a malincuore – ha commentato – per impegnarmi completamente alla musica».