Una Via Crucis con l’Arcivescovo di Milano Mario Delpini, dedicata al tema dell’universalità e della carità con l’obiettivo di «riunire insieme i figli di Dio dispersi».

Partenza da San Pio X alle 20.45

Al centro dell’iniziativa, anche la raccolta fondi per sostenere l’impegno dei Padri comboniani e dell’«Ovc La nostra famiglia» in Sud Sudan. La processione è prevista il 23 marzo con partenza alle 20.45 nella Chiesa di San Pio X, per proseguire in via Garibaldi e arrivo (alle 21.45 circa) in piazza Conciliazione nella Basilica di Santi Siro e Materno per l’omelia di monsignor Delpini.

Invito ai fedeli a partecipare

Il percorso è dedicato a tutti i fedeli delle varie zone pastorali della diocesi, tra cui quelle di Monza, Desio, Cesano Maderno, Lissone e Carate Brianza. «Per l’occasione – spiega il prevosto Gianni Cesena – l’artista Eduardo Brocca Toletti ha realizzato una croce artigianale con i legni dei cinque continenti con riferimento alla mescolanza dei popoli e al tema dell’universalità del messaggio di salvezza di Gesù».

Particolare attenzione ai giovani

Una particolare attenzione sarà per i giovani: «Prima del corteo, l’Arcivescovo si dedicherà ai ragazzi che faranno la cresima per un momento di catechesi». Un invito a gran voce da parte di Cesena: «Invito tutti i fedeli a partecipare. Delpini è venuto a Desio anche il 4 dicembre 2017 per il 70esimo anniversario dei Saveriani e il 10 febbraio 2018 per un convegno nella casa natale di Pio XI, ma vederlo visitare la nostra Chiesa e le nostre strade sarà un’occasione unica». Le corali desiane parteciperanno alla celebrazione con dei brevi canti.