Villa Borromeo riapre dopo i restauri: porte aperte dal 26 maggio. Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’inaugurazione.

Villa Borromeo riapre dopo i restauri: porte aperte dal 26 maggio

Riaprirà al pubblico il prossimo 26 maggio maggio Villa Borromeo d’Adda ad Arcore. Questa mattina, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’inaugurazione, le autorità locali e principali protagonisti del restauro sono intervenuti per illustrare i lavori e le iniziative in programma per l’inaugurazione.

Gli eventi per l’inaugurazione

Tanti gli eventi nel fine settimana dell’inaugurazione: il 26 e 27 maggio sarà possibile prendere parte alle visite guidate organizzate dalla sezione vimercatese dal FAI già dalle 9 della mattina e fino alle 17.30. Prenotazione obbligatoria su www.villeaperte.info 

La sera del 26 maggio musica e spettacolo: si parte alle 20.45 con il concerto live tributo ai Queen nel prato antistante la Villa. Alle 21.45 lo spettacolo del light show video mapping proiettato sulla facciata della celebre dimora e poi il proseguimento del concerto.

Per chi non riuscisse a visitare la Villa nel weekend dell’inaugurazione niente panico: sono infatti in programma altri fine settimana per poter godere della bellezza della Gran Dama!

Leggi anche:  "Stop alla chiusura degli uffici postali e consegne più efficienti"

Progetti

Una riapertura, quella di Villa Borromeo, attesa da lungo tempo dagli Arcoresi e costata alle casse comunali circa 18 milioni di euro. Come già accennato nei mesi scorsi il piano nobile seminterrato rimarrà in piena disponibilità al Comune per mostre, eventi e catering. Invece per gli altri due piani sono al vaglio diversi progetti tra cui l’insediamento della sede regionale del Parco Valle Lambro o del centro di recupero e restauro del legno in collaborazione con il Politecnico di Milano.

La conferenza

Questa mattina alla conferenza erano presenti tra gli altri il Sindaco, Rosalba Colombo, l’assessore alla Cultura, Paola Palma e il funzionario Gestione Territorio, l’architetto Roberto Parolini. Al tavolo anche Attilio Navarra di Italiana Costruzioni e l’architetto Alfonso Femia dell’Atelier(s) Alfonso Femia srl.

Ecco alcuni dei momenti salienti della conferenza