Per sfuggire all’arresto, si erano tinti barba e capelli, ormai ingrigiti, di nero. Un accorgimento che non ha evitato che i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Desio addebitassero loro le sette rapine che avevano perpetrato a Monza e in Brianza.

Sette colpi in tre mesi

I militari hanno interrotto la catena di rapine messe in atto in poco più di tre mesi da due monzesi di cinquantasette anni. Sette i colpi con cui l’affiatata coppia di amici, tra luglio ed ottobre dello scorso anno, aveva seminato il panico nei supermercati della Brianza, per un bottino complessivo di oltre 25mila euro. Sciarpa alzata sul viso e casco in testa per travisare il volto, i balordi indossavano sempre lo stesso abbigliamento, e restavano fedeli allo stesso modus operandi: pistole in pugno, intimavano ai dipendenti dei punti vendita, spesso anche con minacce, di consegnare loro l’incasso.
Ogni volta, entravano in azione a bordo di uno scooter diverso, ma sempre rubato, e ogni volta apponevano al motorino una targa diversa. Non due sprovveduti, insomma.
I militari, che erano sulle loro tracce, li hanno bloccati a Monza il 19 ottobre. Erano in sella ad uno scooter (rubato, con targa rubata), molto probabilmente diretti al prossimo bersaglio. Fermati in via Agnesi da una pattuglia del Radiomobile di Monza dopo un burrascoso inseguimento in cui non è mancato pure un colpo di arma da fuoco esploso in aria, i due sono stati arrestati per ricettazione del motorino su cui viaggiavano e furto di pistola.

Leggi anche:  Mamma a rapinare la farmacia, il figlio di 6 anni a casa: arrestata lei e il compagno

Supermercati di Monza e Brianza

Le indagini dei carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Desio, confluite nell’Operazione Barbanera (dal maldestro tentativo dei due di tingersi barba e capelli per sfuggire all’arresto), hanno permesso di addebitare ai rapinatori, come detto, sette colpi: il 19 luglio al supermercato In’s di Monza (bottino 2mila euro), il 5 agosto al Rex di Cesano (poco meno di 8mila euro), il 29 agosto all’alimentari San Rocco di Vedano al Lambro (oltre 5mila euro), il 9 settembre al D-più di Albiate (oltre 2mila euro), il 20 settembre all’Eurospin di Monza (quasi 4mila euro) , il 23 settembre all’In’s di Paderno Dugnano (200 euro) e il 6 ottobre, sempre a Monza, in un punto vendita Sigma (bottino: quasi 6mila euro).