Villa Raverio dà l’addio a Paolino, uomo di fiducia del senatore Walter Fontana. Vinto da una malattia incurabile all’età di 68 anni, Paolo Bonfanti, Paolino come lo chiamavano gli amici, era molto conosciuto nella frazione per il suo impegno per l’oratorio.

Un volontario generoso

Bonfanti aveva contribuito a tante iniziative: dalla ristrutturazione dell’oratorio, al sostegno alle missioni in Africa nel Cameroun, alla cura del presepe della Visconta. Ma era soprattutto un amante dell’arte. Nella sua vita ha conosciuto numerosi artisti molti dei quali hanno partecipato ai funerali celebrati mercoledì pomeriggio nella chiesa parrocchiale Sant’Eusebio e Santi Maccabei. Presenti alla funzione ben sette sacerdoti che hanno ricordato il suo impegno nel volontariato. Qualche mese fa era rimasto coinvolto nella truffa di Tiziana Pirola, chiamata “Lady Posta”, e aveva raccontato la sua esperienza in televisione a “Mi manda Rai 3”.

Il ricordo della famiglia

“Papà aveva una parola buona per tutti. E quando le parole non bastavano a mettere pace tra i suoi amici, ci pensava lui con una cena. Parlando della sua morte diceva: “Se piangete quando sarò morto, scendo giù e vi prendo per la cravatta! E’ un po’ difficile rispettare queste sue volontà, ma confidando nel vostro sostegno, vorrei ringraziarvi tutti per aver voluto salutare il papà per l’ultima volta”.