Diagnosi errata: al Pronto soccorso un bimbo di 8 anni ha rischiato di morire perché i medici non hanno riconosciuto i sintomi di una peritonite.

Diagnosi sbagliata

E’ successo  mercoledì scorso. Protagonista il piccolo Matteo Fortugno, di 8 anni, che vive a Brugherio con il papà Marco e la mamma Daniela.

Il primo accesso lunedì scorso al Pronto soccorso pediatrico, gestito dalla Fondazione Mbbm, dove i medici hanno inizialmente scambiato i dolori all’addome di Matteo per una stipsi e lo hanno rimandato a casa.

L’intervento d’urgenza 

Due giorni dopo Matteo è tornato in ospedale e i medici lo hanno immediatamente sottoposto a un intervento chirurgico d’urgenza per salvargli la vita.

L’ascesso aveva infatti già pervaso tutto l’intestino e un ulteriore ritardo sarebbe potuto essergli fatale.

I genitori ora chiedono giustizia perché l’intervento, altamente invasivo, si accompagnerà a una lunga e complessa degenza.

La notizia completa sull’edizione del Giornale di Monza di martedì 16 gennaio. 

Nella foto il piccolo Matteo Fortugno con il papà Marco e la mamma Daniela