Un’altra violenza in Brianza. Dopo l’arresto nelle ultime ore del brasiliano sospettato di aver molestato sessualmente due giovanissime a Monza e a Casatenovo, ora un altro caso a Desio.

Insegue e palpeggia una 19enne in stazione a Desio

L’aggressione è avvenuta nella zona della stazione, sabato sera intorno alle 19.30. La ragazza, una diciannovenne di Cavenago che lavora a Desio, si stava recando in stazione a prendere il treno per rientrare a casa, quando ha avvertito la presenza di qualcuno che la stava seguendo.

Immediatamente ha preso in mano il cellulare per chiamare il suo fidanzato ma l’uomo alle sue spalle, un tunisino di 28 anni, l’ha raggiunta e ha iniziato a palpeggiarla. La giovane ha iniziato a gridare e fortunatamente è riuscita a divincolarsi rifugiandosi in stazione. Qui ha immediatamente allertato il 112. Intanto alcuni passanti, sentendo le grida della ragazza, si sono fermati.

I pendolari bloccano la fuga

Il 28enne ha tentato di scappare salendo sul treno ma la ragazza con l’aiuto degli altri pendolari è riuscita a bloccarlo. E’ stato in quel momento che il tunisino ha tentato di tagliarsi le vene dei polsi pronunciando le parole: “Adesso ti faccio vedere io: dirò che sei stata te ad aggredirmi”.

Leggi anche:  Motociclista morto nel Lecchese: è un anziano di Monza

Poco dopo sul posto sono arrivati i Carabinieri: l’uomo, irregolare sul territorio nazionale e con diversi precedenti penali, è stato arrestato e ora dovrà rispondere di violenza sessuale. La ragazza, in stato di choc,  è stata trasportata in ospedale a Desio per accertamenti. E stata dimessa dopo aver ricevuto supporto psicologico.

Frassinetti: “Necessario piantonamento fisso e congiunto”

Sul fatto è intervenuta anche l’onorevole Paola Frassinetti, deputata di Fratelli d’Italia: “È necessario intervenire subito – ha dichiarato – per ripristinare la legalità, con un piantonamento fisso e congiunto delle Forze dell’ordine. La stazione di Desio non può continuare ad essere terra di nessuno. Il sindaco chieda aiuto se non è in grado di garantire la sicurezza. Come deputata del territorio presenterò immediatamente un’interrogazione parlamentare con la quale porterò all’attenzione del governo la necessità di maggiori risorse per la sicurezza in Brianza”.