Ha aggredito il figlio con un coltello e solo la prontezza del ragazzo – un 16enne – ha permesso di limitare i danni a una ferita superficiale a un dito di una mano. Un feroce litigio – le cui cause sono ancora da stabilire – ha scosso alcuni giorni fa la tranquillità di una vecchia corte di via Trento a Limbiate.

Il padre è originario del Bangladesh

Cosa abbia scatenato la rabbia del genitore – non si esclude che si tratti della mancata osservazione dei precetti dell’Islam da parte del ragazzo  – è cosa non certa; fatto sta che il 64enne originario del Bangladesh ha avuto un feroce moto d’ira nei confronti del figlio 16enne.

Una famiglia a Limbiate da anni

Il nucleo è composto da padre, madre e il ragazzo. Abitano a Limbiate da molti anni e non hanno mai dato alcun tipo di problema. Alcuni giorni fa, però, un violento litigio è nato tra padre e figlio. Il genitore, esasperato, ha aggredito il ragazzo con un coltello alla mano, ma questi è riuscito a schivare il colpo. Le urla hanno richiamato l’attenzione dei vicini, che hanno chiamato i Carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari dell’aliquota radiomobile di Desio.

Leggi anche:  Muggiò piange Arrigo Barbieri e prega per il fratello

L’uomo è stato allontanato

L’uomo è stato fermato dai Carabinieri. Processato per direttissima, ne è stato decretato l’allontanamento dal nucleo famigliare.