“L’aumento alla barriera di Agrate? Colpa del Pd”. Questo in sintesi il pensiero di Andrea Monti, consigliere provinciale della Lega Nord e assessore al Comune di Lazzate. L’esponente lumbard di Monza e Brianza ha diramato un comunicato con il quale punta il dito  contro il  Partito democratico  e contro i sindaci di centrosinistra schieratisi oggi alla barriera di Agrate della Tangenziale Est per protestare contro l’aumento del pedaggio. Perchè secondo Monti la colpa dell’aumento del pedaggio sarebbe proprio del Pd. L’esponente del Carroccio attacca però in particolare  il presidente della Provincia di Monza e Brianza Roberto Invernizzi, anche lui presente alla manifestazione di oggi in qualità di sindaco di Bellusco.
Muggiò, consigliere provinciale Andrea Monti
Il consigliere provinciale Andrea Monti

“Mancanza di rispetto verso le  istituzioni”

“Bisognerebbe avere più rispetto delle istituzioni, soprattutto dei sindaci che sono quelli chiamati a sopportare il peso più gravoso e difficile della vita amministrativa – scrive Monti –  Ma evidentemente c’è chi, nel Partito Democratico, continua a prendere per il naso cittadini e primi cittadini.

L’attacco a Invernizzi

“Oggi il Presidente della Provincia di Monza e Brianza, Roberto Invernizzi, quello che dovrebbe pensare alle proprie di strade, che versano in condizioni allarmanti, si è messo a capo di una protesta di primi cittadini contro l’aumento di 30 centesimi di euro del pedaggio sulla tangenziale est – prosegue il consigliere provinciale della Lega Nord –  Un vero scandalo, un aumento sicuramente eccessivo, ci verrebbe da dire quasi indecente. Se non fosse che qui, di indecente, ci sia solo il fatto che si scopre come l’obiettivo di Invernizzi sia squisitamente politico. In piena campagna elettorale, per pura coincidenza, si inventa di incolpare la Regione degli aumenti, quando è noto e risaputo che ad aver firmato i decreti sia stato il Ministero dei Trasporti. Anzi, il Ministro dei Trasporti, proprio quel Graziano Delrio, accolto in pompa magna e con onori proprio da Ponti e Invernizzi lo scorso anno, e che ha messo in ginocchio tutte le province d’Italia, Brianza compresa, grazie alla sua idiota riforma.

“La colpa degli aumenti è del ministro del Pd Delrio”

Come mai Invernizzi non cita Delrio, che è colui che ha firmato gli aumenti per le autostrade?  – aggiunge il lumbard Monti – Come mai si avventura in fantasiose ricostruzioni, collegando lo sento, che peraltro non c’è, delle tangenziali di Como e Varese, quando le motivazioni sono scritte nero su bianco sul sito del Ministero dei Trasporti?. Eccole qui: Parimenti l’incremento della Milano – Serravalle è da ricondursi in misura pari a 10,32% agli investimenti di adeguamento e potenziamento diffusi sull’intera tratta per 188 milioni di euro nel periodo 2013 – 2017. In aggiunta la variazione di Serravalle – Milano recepisce altresì gli effetti delle misure di contenimento tariffario adottati negli anni precedenti in considerazione della situazione congiunturale.

“Il presidente della Provincia prende per il naso cittadini e sindaci”

Forse Invernizzi è pigro? Forse non ha voglia di informarsi? Forse è distratto?  – conclude Monti – No, semplicemente per convenienza politica si mette a prendere per il naso cittadini e sindaci, coinvolgendoli in quella che oggi sarà una vera e propria pagliacciata, strumentalizzata per fare campagna contro la Regione Lombardia. Vergogna, non ci sono altre parole. Ci vorrebbe più rispetto per i cittadini lombardi”.