Muore a 18 anni mentre gioca a tennis.

Il suo cuore ha smesso di battere martedì nel primo pomeriggio all’Humanitas di Rozzano. Lì era infatti stato trasportato Filippo Mazzola, 18 anni, di Cornate d’Adda dopo il malore che lo aveva colto durante una partita di tennis. Il giovane, domenica pomeriggio, stava disputando un match della “Coppa Lombardia” sui campi del “Circolo Canottieri” di Milano lungo l’alzaia del Naviglio Grande.

Il racconto di quanto accaduto

Dopo circa un’ora di gioco Filippo, residente a Cornate,  e atleta della società “Bellusco 2012”, ha accusato un malore.

“Si è abbassato e si è toccato la coscia – ha spiegato il giudice federale che stava arbitrando l’incontro – inizialmente abbiamo pensato ad un crampo. Poi ha appoggiato la testa al pallone (rivestimento del campo) come per voler riprendere fiato. Dopo pochi secondi si alzato e, mentre si stava riavvicinando al perimetro di gioco è crollato”.

I soccorsi

Lì Filippo è stato immediatamente soccorso da un volontario che non ha smesso di praticargli il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Nel frattempo erano già stati allertati i soccorsi. L’ambulanza è arrivata sul posto nel giro di 10 minuti. Il personale medico ha verificato la situazione sul campo, ha effettuato i primi interventi sul campo e poi ha trasportato il ragazzo all’ospedale Humanitas di Rozzano dove, poco dopo, è stato raggiunto dai genitori. Lì le condizioni del giovane sono parse subito gravissime.

Leggi anche:  Malore in palestra, soccorsa una sessantenne

La lotta per la vita

Una piccola speranza c’è stata domenica sera, quando il suo cuore pareva aver ricominciato a battere nuovamente da solo. Ma poi la situazione è nuovamente precipitate.

Ha donato gli organi

Filippo è deceduto martedì alle 14. Ieri, mercoledì, è stato trasportato al Policlinico di Milano per l’espianto degli organi.

Filippo, grande appassionato di sport, soprattutto di tennis che praticava a livello agonistico, frequentava la quinta N dell’indirizzo di Scienze Applicate all’Istituto Albert Einstein, nel centro scolastico Omnicomprensivo di Vimercate. Lascia la mamma Piera Brivio, il papà Roberto, la sorella Giulia e la fidanzata Beatrice Cantù.