Quattro furti in pochi mesi. L’ultimo è avvenuto nel weekend. I ladri “spengono” la radio dei volontari.

Ennesimo furto ai danni di Sestonetwork

C’è grande amarezza nello staff di radio Sestonetwork, emittente di Sesto San Giovanni che trasmette dagli studi allestiti all’interno Spazio Ginko di via Maestri del Lavoro. Ma al tempo stesso c’è anche voglia di rialzare la testa e di ripartire con le trasmissioni il prima possibile. A comunicare quanto accaduto è stato lo stesso staff, dalla propria pagina Facebook.

“Ci hanno rubato tutto”

“La nostra piccola sede faticosamente conquistata all’interno dello Spazio Ginko è stata vandalizzata, la porta sfondata, le attrezzature necessarie per la messa in onda dei programmi sottratte – si legge nel post scritto sul social network – Nonostante le denunce e le segnalazioni, ci troviamo ancora con una porta sfondata e la radio messa a tacere. Inutile dire quanto ci sentiamo feriti. Da quasi quattro anni la radio presta il suo servizio alla città, nel tempo grazie a Sestonetwork molti ragazzi e ragazze hanno potuto sperimentare, comunicare, fare rete e cultura, acquisire conoscenze, essere parte di qualcosa di bello e utile, sia per chi la radio la fa fisicamente, sia per chi la ascolta. Il tutto a titolo gratuito, anzi spesso investendo nel progetto, uniti dall’idea di creare qualcosa di bello per i giovani e fatto da giovani”.

Leggi anche:  Incidente lavoro Milano morto anche Giancarlo Barbieri di Muggiò

“Si stanno accanendo contro di noi”

“Non sappiamo per quale motivo, ma negli ultimi mesi qualcuno ha deciso di accanirsi contro di noi – hanno aggiunto dallo staff della radio – Nonostante la cattiveria gratuita di questi ignoti individui, noi non cediamo di un millimetro. Stiamo per costituire un’associazione, dobbiamo solo firmare e depositare lo statuto. E vogliamo ancora farlo perché crediamo che il nostro progetto possa creare armonia e unione, e riteniamo di poter dare un contributo effettivo alla nostra comunità. Siamo determinati, e una volta recuperate le attrezzature che ci servono torneremo a far sentire la nostra voce. Torneremo prestissimo. Restate sintonizzati. Un abbraccio a tutti”.