Visibilmente alterato dai fumi dell’alcol è stato allontanato dal presidente

Scrutatore ubriaco allontanato dal seggio

Scrutatore ubriaco è stato allontanato dal seggio. Ha dell’incredibile quanto accaduto nel tardo pomeriggio di domenica in un seggio di Carate Brianza, dove erano in corso le votazioni per l’elezione del nuovo sindaco e del nuovo Consiglio comunale. Uno scrutatore con i riflessi alterati dai fumi dell’alcol è stato allontanato perché evidentemente il presidente di seggio ha reputato che non avrebbe potuto fare coscienziosamente e correttamente il suo importante lavoro.

Già in mattinata appariva alterato

Secondo alcune testimonianze lo scrutatore già in mattinata presentava segni di alterazione, forse dovuti a qualche bisboccia del sabato sera. Durante la giornata le sue condizioni sono andate via via peggiorando fino ad arrivare alla decisione del presidente, che ha scelto di fare a meno di lui. Le operazioni di voto, così come quelle di scrutinio, sono comunque andate avanti regolarmente.

A Seregno fotografata una scheda già votata

Nella vicina Seregno, altro paese della Brianza dove i cittadini sono stati chiamati a rinnovare il Consiglio comunale ed eleggere il nuovo sindaco,  si è verificato un altro episodio inusuale, ancora più grave. Domenica mattina un cittadino è stato infatti sorpreso a fotografare la scheda dopo aver votato. Il presidente di seggio ha informato gli uomini della  Guardia di finanza presente nel plesso e sul posto sono arrivati i militari dell’Arma locale che hanno verbalizzato l’accaduto. L’autore della foto rischia una denuncia. Il fatto è accaduto nel seggio numero 11, allestito presso la scuola “Moro” al Ceredo.

Leggi anche:  Meteo Brianza: temporali in arrivo in serata

Martedì in edicola lo speciale con tutti i risultati

Ricordiamo che i risultati delle elezioni di Carate, Macherio, Seregno,  Nova Milanese e degli altri paesi della Brianza al voto verranno pubblicati in uno speciale omaggio che martedì sarà allegato al Giornale di Carate, al Giornale di  Seregno e al Giornale di Desio. Chiedetelo al vostro edicolante di fiducia.