Le scuole coinvolte si costituiranno parte civile al processo in corso per le molestie sulle stagiste durante l’alternanza scuola lavoro da parte del titolare di  un centro estetico di Pessano con Bornago e in uno di Cavenago.

Molestie sulle stagiste, scuole parte civile

E’ iniziato ieri il dibattimento al tribunale di Monza nell’ambito del processo a Massimo Covella, 54 anni, titolare di due centri estetici a Pessano con Bornago e Cavenago, accusato di aver abusato sessualmente di almeno quattro studentesse in stage presso i centri in questione.

Fermato a luglio

Covella era stato fermato lo scorso luglio dagli uomini del Commissariato di Monza con l’accusa di violenza sessuale aggravata. Tutto era partito dalla segnalazione fatta da un consultorio di Vimercate dove una delle ragazze coinvolte si era recata per chiedere supporto psicologico. Le due scuole professionali coinvolte hanno deciso di costituirsi parte civile. Una scelta che era già stata presa in precedenza da Regione Lombardia.

Intercettazioni ambientali in aula

Sono state presentate durante la prima udienza le intercettazioni ambientali riguardanti le telefonate fra l’accusato e le vittime, tutte di età compresa fra i 15 e i 17 anni che verranno ascoltate durante il dibattimento. Il Pubblico ministero della Procura monzese, Michela Versini, ha chiesto per l’imputato il giudizio immediato.

Leggi anche:  Addio a "Jair", colonna del Monza