Una bella serenata napulitan sotto il balcone della futura moglie. Con tanto di microfono e fuochi d’artificio.

Il fatto

La scena tipica della tradizione meridionale alla vigilia del matrimonio. Ma alla fine, assieme agli applausi e alle lacrime di commozione dei presenti sono arrivate anche tre pattuglie della Polizia locale, chiamate evidentemente da qualche vicino, infastidito dal trambusto o magari “invidioso” di tanto romanticismo.

E’ accaduto ieri attorno alle 23 a Monza al quartiere Cristo Re. Protagonisti due giovani residenti in città. Lo sposo, per avvicinarsi al meglio all’appuntamento nuziale, ha “ingaggiato” un cantante neomelodico per la classica serenata prevista dalla tradizione meridionale.

L’arrivo della Polizia locale

Ma, in mezzo a lacrime di gioia e commozione, la serata ha avuto il classico imprevisto: l’arrivo della Polizia locale chiamata da qualche vicino che aveva appuntamento con Morfeo e voleva dormire invece che ascoltare le melodie napoletane o guardare lo spettacolo pirotecnico. Infine tre le pattuglie giunte sul posto, ma grazie al buon senso di tutti la situazione si è tranquillizzata.

Leggi anche:  I parenti di Paolo Villa "Abbiamo vissuto un dramma nel dramma"

La storia degli sposi e quello che è successo sul Giornale di Monza in edicola da martedì 24 ottobre