Emergenza sicurezza nelle stazioni e sulle linee ferroviarie. Se ne è discusso anche in Consiglio Regionale dove è emerso che, fra le 7 linee considerate più pericolose in Lombardia, ben 4 attraversano la Brianza (ne avevamo parlato anche noi in questo articolo) Si tratta delle linee S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), S8 (Milano-Carnate-Lecco), S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano) e Milano-Carnate-Bergamo. In merito è intervenuto Alessandro Corbetta, consigliere regionale della Lega.

Sicurezza stazioni e sui treni: Corbetta “Grande impegno ma non basta”

“Trenord e Regione Lombardia stanno facendo il possibile – afferma Corbetta – per sopperire alle mancanze e alle inefficienze dello Stato centrale in materia di sicurezza a bordo e nelle stazioni. Sia con l’inserimento di 90 guardie giurate sulle linee e sia con provvedimenti quali la circolazione gratuita per gli appartenenti alle forze dell’ordine, la Regione sta dimostrando grande impegno su questo fronte. Ma sappiamo che non basta. Occorre un forte potenziamento del personale della Polizia Ferroviaria (POLFER), che su tutto il territorio della Lombardia può contare solamente su 590 unità, compreso il personale amministrativo. Credo inoltre che sia necessario aumentare i presidi della Polfer nelle stazioni ferroviarie. Oggi, nonostante i dati che testimoniano l’emergenza sicurezza e la situazione ad alto rischio, l’unico presidio Polfer in Brianza è quello della stazione di Monza”.

Presidi anche a Seregno, Carnate e Besana in Brianza

“In una interrogazione in Consiglio Regionale – annuncia Corbetta – proporrò a Regione Lombardia di attivarsi con il futuro Governo affinché sul nostro territorio, oltre a quello del capoluogo, vi sia un presidio della Polizia Ferroviaria anche a Seregno, Carnate e Besana in Brianza. Queste infatti – conclude Corbetta – sono stazioni centrali e strategiche per le linee che attraversano il nostro territorio e un presidio fisso della Polizia Ferroviaria garantirebbe maggiore sicurezza e interventi più rapidi sui treni in caso di situazioni critiche.”

E sui passaggi a livello non funzionanti “Situazione vergognosa”

Corbetta è intervenuto anche sulla questione dei passaggi a livello guasti e sui conseguenti disservizi ai pendolari, soffermandosi sulla situazione del Besanino.

“I disagi che quotidianamente affrontano i pendolari del Besanino sono vergognosi. Da mesi infatti si susseguono disservizi e guasti ai passaggi a livello che causano forti ritardi e corse cancellate, mandando in tilt anche il traffico su gomma. Tutto ciò non è tollerabile: ho segnalato immediatamente i disservizi all’assessore Terzi e chiesto un forte intervento di Regione Lombardia nei confronti di Rfi a cui compete la gestione dell’infrastruttura. I pendolari della linea S7 meritano più rispetto ed è arrivato il momento che Rfi metta in campo un serio piano di manutenzione col fine di garantire il regolare funzionamento dei passaggi a livello e un servizio decente agli utenti”. È quanto dichiara il consigliere regionale della Lombardia Alessandro Corbetta (Lega) in merito ai malfunzionamenti ai passaggi a livello verificatisi lungo la linea S7 che hanno generato forti disagi e disservizi ai pendolari.

L’ultimo episodio relativo ad un guasto al passaggio a livello appena pochi giorni fa ha causato una raffica di ritardi e cancellazioni.