Disgrazia nelle ultime ore a Seregno. Jason Borbona, dodici anni, studente della scuola  secondaria di primo grado “Alessandro Manzoni”, è morto all’improvviso, all’ospedale San Gerardo di Monza. Molto probabilmente per una leucemia fulminante.

Compagni e professori sotto shock

La notizia della tragedia ha sconvolta l’istituto scolastico dove Jason “era benvoluto da tutti, compagni di classe e studenti di altre sezioni, perché per tutti aveva un sorriso e una buona parola”. Questa mattina, ricevuta la drammatica notizia, i docenti sono entrati in classe, la 2^B, per comunicarla ai compagni. Sospese le lezioni, gli insegnanti hanno aiutato i ragazzi a elaborare lo sgomento, la rabbia e il dolore, anche grazie all’appoggio di psicologi. “Abbiamo cercato di spiegare loro quello che, in verità, non è spiegabile: cosa si può dire quando muore un ragazzo di dodici anni?”, spiegano i professori. Alcune classi, poi, hanno trasportato i loro pensieri in messaggi d’affetto finiti su cartelloni appesi alla porta d’ingresso del plesso. Su tutti, la promessa “Jason, sarai sempre con noi”, circondata dalle firme. Resterà nei cuori di tutti questo ragazzino dal viso solare, che sognava di fare il pompiere, tifava Napoli, adorava il suo cane e amava scorrazzare con la sua bicicletta insieme agli amici. In segno di lutto, il saggio di musica previsto a scuola per giovedì sera è stato annullato e la festa di fine anno, in agenda per venerdì, si svolgerà lo stesso ma senza musiche e giochi. Diventerà l’occasione per ricordare ancora una volta, tutti insieme, Jason.

Leggi anche:  Separazione fra Bonazzi e il Seregno

Mercoledì l’ultimo saluto

I funerali di Jason saranno celebrati al Ceredo di Seregno, mercoledì 6 giugno, alle 16.30, nella parrocchia San Giovanni Bosco.

DA DOMANI, MARTEDI’, AMPIO SERVIZIO SUL “GIORNALE DI SEREGNO” IN EDICOLA.