Omicidio passionale o vecchi rancori legati al giro di conoscenze: su questi due fronti sono dirette le indagini dei carabinieri coordinati dal Pm Carlo Cinque per risalire all’identità di chi ha ucciso Michelangelo Redaelli, 54 anni di Solaro, con frequentazioni anche a Varedo, trovato nel suo box sabato sera, morto in seguito ad una profonda ferita alla gola.

Non ancora fissata l’autopsia

L’autopsia di Redaelli per il momento non è ancora stata fissata, ma secondo una prima ricostruzione l’aggressore lo avrebbe sorpreso alle spalle colpito con una sola violenta coltellata diretta alla gola. Solo le verifiche in corso per definire i particolari dell’orrendo delitto potranno escludere in modo certo che i due si siano trovati faccia a faccia. E’ invece confermato che  tra la vittima e il killer non c’è stata alcuna colluttazione.

Nessun segno di lotta

Nessun segno di lotta né nell’abitazione di Michelangelo Redaelli, né nel garage, dove il corpo senza vita del 54enne è stato trovato.  Questo potrebbe significare anche che la vittima conoscesse il suo assassino. Ipotesi al vaglio degli inquirenti così come non è escluso che il 54enne sia stato sorpreso alle spalle.  Rimane poi da capire come mai Redaelli sia sceso nel box lasciando socchiusa la porta di casa. Il cellulare e le chiavi sono state ritrovate al momento dell’intervento dei carabinieri su un tavolino all’interno dell’abitazione.

Leggi anche:  Blitz dei carabinieri tra i mille ragazzi dei giovedì sera in piazza Facchetti

Si cerca tra gli ultimi contatti

Nuove e importanti indicazioni potranno venire dall’esame dei suoi tabulati telefonici. Lì tra messaggi e ultime chiamate ricevute potrebbe esserci anche il nome di chi lo ha contattato e poi raggiunto a casa la sera dell’omicidio. La morte del 54enne dovrebbe risalire a non più tardi di venerdì sera.