Ucciso dalla ex.

Ucciso dalla ex, aveva paura abusasse dei suoi figli

Temeva molestasse i suoi figli e non voleva che tornasse a casa. Sabrina Amico, 37 anni, per questo motivo aveva deciso di chiudere per sempre la relazione con Marco Benzi, 43. Temeva che lui abusasse dei suoi tre bambini, avuti da un precedente matrimonio. Il 43enne, originario di Bollate e titolare di un negozio a Solaro, però non accettava la fine di quel rapporto, così continuava a chiederle di ripensarci. Venerdì sera si era presentato nella loro casa di Cogliate in via Mascagni e aveva deciso di fermarsi a dormire lì.

Colpito con un martello

Ieri mattina, non è ancora chiaro se in seguito a una lite, la donna ha impugnato un martello e ha colpito Benzi, mentre era disteso a letto, forse più di una volta, uccidendolo. L’ex marito della donna, con cui la 37enne ha mantenuto un buon rapporto, sapeva dei loro problemi. Per questo dopo aver ricevuto diversi messaggi dalla 37enne, verso le 12.30 si è precipitato a Cogliate e ha scoperto l’accaduto. Entrato in casa, si è trovato davanti il corpo privo di sensi di Benzi. Ha afferrato il telefono e chiamato il 112. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 che invano hanno tentato di rianimare Benzi.

Leggi anche:  Evento violento in via Veneto a Monza SIRENE DI NOTTE

La dinamica

La dinamica di quanto accaduto è ancora al vaglio dei carabinieri di Desio, che indagano sulla vicenda coordinati dal Pm di Monza Alessandro Pepè. Le dichiarazioni della donna, che è stata trasportata in ospedale per essere visitata in seguito a un malore, saranno ora vagliate dagli inquirenti. La 37enne sostiene che l’ex compagno molestasse i suoi bambini e che proprio per questa motivo lo aveva cacciato di casa e deciso di troncare la loro relazione. Per due anni la coppia aveva vissuto nell’appartamento di Cogliate, dove spesso dimoravano anche i tre bambini della donna.