Brugherio ricorda Max Squillace artista dell’umanità

Max Squillace: Crotone, Brugherio, New York

Nato nel 1946 a Zinga, in provincia di Crotone, Max Squillace si trasferisce a Milano nel 1963 dove frequenta il Liceo artistico di Brera e poi l’Accademia di Belle Arti, allievo di Minguzzi e Cassani. A ventun anni lavora per la Rai, un’esperienza che lo porta in breve tempo a specializzarsi nell’animazione per spot pubblicitari. Intanto si dedica alla scultura in bronzo. Trasferitosi nel frattempo a Brugherio, Squillace dà vita alla Comunità d’Arte in Villa Sormani. Nel 1975, a meno di trent’anni, arriva la prima commissione pubblica: una serie di cinque pannelli destinati alla facciata del Municipio di Ornago. L’anno successivo realizza il monumento al Bersagliere per Melzo. Seguiranno numerose altre committenze per monumenti pubblici, quali quello al Donatore di sangue per l’Avis di Brugherio e quello ai Caduti entrambi per Trezzano Rosa. Presto arriva anche la consacrazione all’estero, con l’esposizione alla Galleria Art 54 di New York, curata da Marion Duteurtre, gallerista e mecenate che da quel momento lo seguirà nel suo lavoro. Max Squillace muore nel 2015.

Brugherio ricorda Max Squillace artista dell'umanità

L’esposizione

L’esposizione ospitata in parte anche presso la Fondazione Piseri (via XXV Aprile 61) – e visitabile fino al 3 dicembre, è un vero e proprio viaggio a tutto tondo nella produzione artistica di Squillace. Sculture in bronzo e in pietra, terrecotte, gessi, disegni, filmati e molto altro a testimoniare da una parte la straordinaria varietà e dall’altra la sostanziale coerenza linguistica della sua opera.

Leggi anche:  Il monzese Max Romeo presidente dei senatori della Lega

Un grande artista

Il nucleo principale della mostra, realizzata dal Comune in collaborazione con l’Associazione Heart – Pulsazioni culturali, con la curatela scientifica di Armando Fettolini e Simona Bartolena e naturalmente il prezioso contributo della famiglia Squillace, riguarda una selezione di opere di piccole e medie dimensioni, provenienti dall’archivio dell’artista e da collezioni private del territorio, e uno sguardo ampio alla produzione di quest’artista poliedrico, noto come scultore, ma anche come creativo in ambito pubblicitario.

Il progetto

Il progetto valorizza anche le opere pubbliche e private collocate in spazi pubblici mediante la creazione di un itinerario segnalato in città. Le opere di Squillace, sia quelle monumentali che quelle dalle dimensioni più contenute, sono caratterizzate da uno stile ben riconoscibile, frutto di una ricerca che affonda le radici nella classicità, cercando risposte nel contemporaneo. La mostra sarà aperta al pubblico dal martedì al sabato, dalle 15 alle 18; la domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 16 alle 19; chiusa il lunedì.