Dan Daran Dan. A Seveso ogni primo dell’anno è ormai un appuntamento tradizionale, con dolci e regali per i bambini lanciati dai balconi delle case.

Una tradizione di oltre cento anni

L’evento è una vera e propria tradizione, soprattutto nel quartiere di San Pietro. “Ha oltre cento anni di storia – spiega Carmelo Zema, uno degli organizzatori – e noi cerchiamo di portarla avanti ogni primo dell’anno”. Come ogni Capodanno i piccoli si sono presentati armati di borse e sacchetti, pronti a raccogliere dolci e caramelle che vengono lanciati dai balconi. In una vera e propria ‘processione’, i bimbi sono stati guidati da un frate barbuto che ha richiamato la gente all’attenzione con una campana, chiedendo di donare ai piccoli: dolci, monetine, ma anche tanti altri doni.

Anche La Cittadina ad animare l’evento

“Dan Daran Dan ghe chi ul Giuan”. Questo il grido dei bambini ogni volta che il corteo si è fermato sotto le case, in attesa di ricevere dolci e doni dai residenti. Ad animare l’edizione, come ogni hanno, ci ha pensato il corpo musicale La Cittadina di San Pietro. Il corteo, partito dalla piazza del Seminario alle 9.45, ha concluso il proprio percorso in via Adua attorno alle 12.30.