Disabilità: insieme si può fare molto. Lo dimostra la nuova associazione nata a Carate.

Disabilità: insieme si può fare molto

Sabato scorso, un gruppo di genitori di ragazzi disabili insieme ad alcuni volontari si sono riuniti per dar vita a “Fiori di campo”. Una realtà costituita per promuovere l’inclusione sociale. A compimento di un percorso iniziato alcuni anni fa.
La prima riunione dei soci fondatori si è tenuta nei locali gentilmente messi a disposizione dalla Cooperativa Solaris, in via Felice Rossi a Carate. Locali destinati a diventare sede dell’associazione. Insieme hanno sottoscritto lo statuto che definisce le linee guida, le finalità e gli scopi del gruppo di volontariato.

Eletto il Consiglio direttivo

Hanno inoltre eletto i membri del Consiglio direttivo il quale, a sua volta, ha nominato il presidente. E’ Carlo Guzzi che potrà contare sul prezioso aiuto del suo vice, Giovanni Ciceri, del tesoriere Eraldo Riva e della segreteria Graziella Formenti.
“Oltre ad ampliare  le offerte per il tempo libero dei ragazzi disabili, un servizio già attivo da diversi anni grazie all’attenzione della Solaris che affianca educatori e volontari – hanno spiegato i referenti – intendiamo promuovere la cultura del volontariato e del benessere nell’area della disabilità e del disagio psichico. Programmare iniziative di aiuto, sostegno, accompagnamento e formazione dei soci; organizzare attività atte ad ampliare le autonomie personali, domestiche, sociali, relazionali ed affettive delle persone con disabilità e disagio psichico”.

Leggi anche:  Musica: il rocker monzese Trutz Groth ha aperto il concerto dei “The Pretty Things” - FOTO e INTERVISTA

“Vogliamo essere fiori di campo”

L’intento ed insieme l’augurio è proprio quello di essere veri “Fiori di campo”.

“Fiorellini – hanno concluso – spesso piccoli, delicati e dai colori non appariscenti ma che si fanno notare per la loro capacità di tingere ed abbellire ampie aree verdi, testimoni silenziosi ma indiscussi del risveglio della natura all’arrivo della nuova stagione”.