Molti momenti di preghiera, buona cucina e divertimento, ma soprattutto tanta, tantissima gente, proveniente da tutta la Brianza, che non ha voluto per nulla mancare alla grande festa di Peregallo. (leggi qui)

Un successo oltre ogni aspettativa

È stata un successo incredibile la quarantunesima edizione della Sagra di Sant’Antonio, il patrono a cui da sempre è legata a doppio filo la realtà della frazione e per il quale ogni anno vengono organizzate una serie di manifestazioni entrate ormai nella tradizione della comunità peregallese.

Una festa iniziata con la messa e il falò in oratorio a Peregallo

La festa era ufficialmente iniziata mercoledì scorso con la messa di apertura delle celebrazioni che si sono poi prolungate per tutta la settimana, con l’accensione, mercoledì sera, del tradizionale falò in oratorio davanti a tanti bambini estasiati dallo spettacolo della pira in fiamme che ha riscaldato la gelida serata.

Ma non solo, perché dopo la chiusura dello scorso anno i fedeli hanno potuto riabbracciare la storica chiesetta di piazza Garibaldi dedicata proprio a Sant’Antonio.

Ieri, domenica, la super tombolata al PalaIlpra con 450 premi

Ieri, domenica, poi il piatto forte, con la super tombolata, presentata da Rodrigo Ferrario e Angelo Viganò, e che ha visto in palio la bellezza di 450 tra cinquine e tombole, tutte quante offerte da negozi e attività commerciali che ogni anno contribuiscono con i loro premi: un vero e proprio record.

Leggi anche:  A Cesano parte il Tour delle frazioni con la musica nei quartieri

Una folla oceanica di oltre 600 persone ha riempito il PalaIlpra, tra cui ovviamente non hanno voluto mancare, come sempre, il sindaco Roberto Antonioli e il parroco don Antonio Longoni accompagnato da don Paolo Alberti, vicario parrocchiale a Peregallo.

Il grazie di Angelo Viganò

“Ringraziamo di cuore i nostri infaticabili volontari, gli sponsor, tra i quali una menzione speciale per Benedetto Citterio, patron della ditta Ilpra di Lesmo, i volontari della Croce Bianca di Milano, sezione di Brugherio, i ballerini di Arte e Spettacolo e tutti quanti hanno reso possibile la tombolata – ha sottolineato il presidente Raselp Angelo Viganò – Con la tombolata abbiamo aperto un nuovo anno che vivrà il suo clou con i festeggiamenti per la Primavera Peregallese. Abbiamo in cantiere molte idee, tra le quali una gara canora da realizzare insieme agli amici di Arte e Spettacolo. Per il momento preferisco non svelare nulla. Posso solo aggiungere che tutto il ricavato della manifestazione, come ogni anno, verrà devoluto per le necessità della parrocchia”.