Partecipare alle fiere è essenziale per un’azienda o per un professionista: non a caso si tratta di uno dei modi più performanti per trovare nuovi clienti. Le fiere e in genere gli eventi di settore, infatti, diventano l’opportunità perfetta per promuovere un prodotto o un servizio: soprattutto per via del fatto che consentono di esporli ad un pubblico altamente targhettizzato. Fra gli altri vantaggi delle fiere settoriali troviamo la maggiore esposizione del brand al pubblico, e dunque un aumento dell’awareness della propria nicchia di riferimento. Bisogna però capire anche come trovare nuovi clienti in fiera, dunque come spingerli verso la conversione: oggi, non a caso, studieremo anche questo aspetto.

Client acquisition: la fiera è fondamentale

La fiera di settore è un eccezionale strumento per acquisire clienti, e ciò appare vero per una serie di motivi molto vasta. Innanzitutto gli eventi di questo tipo regalano una nuova visibilità al brand, e consentono di creare o espandere il proprio network di contatti: non si parla solo di potenziali clienti, ma anche di partner, soci e fornitori. Fra le altre cose, gli eventi settoriali come le fiere consentono di studiare meglio il proprio target: il tutto analizzando anche i competitor, per vedere cosa offrono e se ciò che offrono va incontro ai desideri del pubblico.

Come trovare nuovi clienti in fiera?

Per acquisire clienti bisogna prima trovare delle persone che possano essere interessate a ciò che offriamo: per ottenere questo scopo, bisogna partire da una strategia ben definita. Una strategia che contempla anche l’utilizzo di materiale cartaceo: specialmente nel mondo del B2B i cataloghi sono fondamentali, ed è anche necessario che siano fatti bene. Oggi ci sono molte risorse a disposizione dei professionisti, soprattutto grazie al web. Infatti, siti come doctaprint permettono di realizzare dei cataloghi eleganti e di qualità come ad esempio quelli con la brossura fresata, e farseli recapitare direttamente in azienda o a casa. Poi è importante concentrarsi anche sul materiale visivo, come i video di presentazione: dunque si richiede il reperimento dell’attrezzatura hi-tech necessaria oppure l’aiuto di un professionista. Infine, attenzione alla pulizia: gli stand sporchi possono diventare un grosso problema.

Leggi anche:  Al "Maria Bambina" i genitori diventano... attori

Come trasformare i contatti in clienti?

Il processo di conversione dei contatti parte da una strategia ben definita a monte, che possa rispettare la presenza di determinati step obbligatori. L’acquisizione dei clienti in fiera, dunque, parte da questi aspetti: in primo luogo la concentrazione verso il pubblico che risponde totalmente ai requisiti del proprio target. Al tempo stesso, bisogna evitare di perdere tempo con le persone che non rientrano all’interno di questi canoni. Un ulteriore step da rispettare è il seguente: bisogna trovare una strategia per spingere i clienti a lasciare in modo spontaneo le proprie informazioni di contatto. Forzarli non solo non sarà utile alla causa, ma potrebbe anche diventare fastidioso e dunque deleterio per il brand. Infine, è necessario fornire loro dei contenuti che possano suscitare interesse.