Esselunga nuovo accordo dedicato al welfare.

Welfare a tutto campo

Esselunga, una delle principali catene italiane del settore della grande distribuzione, ha siglato con i sindacati Filcams, Fisascat e Uiltucs. Un accordo che amplia l’offerta dei servizi welfare per le oltre 22.500 persone che lavorano per l’azienda. L’intesa fa seguito all’accordo già sottoscritto lo scorso aprile 2017. Per la prima volta prevedeva la possibilità di convertire il  premio di risultato  in servizi welfare esentasse al 100%.

Più servizi

La novità quest’anno consiste in un ampliamento della rosa di servizi che include il trasporto urbano, l’assistenza per i familiari non autosufficienti e il fondo sanitario integrativo. Non solo, chi sceglie l’opzione welfare avrà un premio maggiorato del 10%. Questi servizi vanno ad aggiungersi a quelli già previsti nel precedente. Parliamo della mensa aziendale e le spese riguardanti l’educazione dei figli. Sono comprese le rette scolastiche e prescolastiche di asili nido, scuola dell’infanzia, scuola dell’istruzione, tasse universitarie, libri di testo, servizio di trasporto e mensa, borse di studio. 

Leggi anche:  Scuola e vaccini ecco i documenti da presentare entro il 10 marzo

Premio ad aprile

Il premio di risultato sarà corrisposto nella busta paga di aprile e varia da circa 430 euro a 930 euro. I lavoratori potranno scegliere di convertirlo per una quota del 50% oppure del 100%. L’iniziativa rientra in un percorso di attenzione al welfare avviato da Esselunga da molti anni che ha già dato la possibilità ai lavoratori di usufruire di numerose opportunità quali l’assistenza fiscale (730). Oltre a permessi retribuiti per visite mediche, le integrazioni del salario in caso di malattia e infortunio al 100%, i permessi studio aggiuntivi oltre che tessere prepagate per la spesa distribuite in alcuni momenti dell’anno. Dallo scorso settembre, inoltre, è stato attivato un portale dedicato alle  convenzioni, “Esselunga per te”. Nell’area dedicata alla famiglia è stato studiato in collaborazione con la Fondazione Intercultura. Un progetto che offre ai figli dei dipendenti iscritti alla suola superiore, la possibilità di vincere 10 borse di studio.