Imprese Brianza: Monza risulta il comune più ricco, con 10 miliardi di euro di fatturato complessivo. Al secondo posto Vimercate.

Imprese Brianza: fatturati e redditività in aumento

Fatturati in crescita, margine operativo lordo in miglioramento e maggiore redditività del capitale proprio. È questa la fotografia scattata daTop500+. Un’analisi realizzata dal Centro studi di Assolombarda, promossa da Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza in collaborazione con PwC e con il sostegno di Banco BPM,Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi, Ecole, GiGroup e Reteindustria.

L’analisi del Centro studi di Assolombarda

La crescita delle imprese della Brianza emerge dall’analisi della classifica che quest’anno mappa le prime 800 aziende di Monza e Brianza con ricavi tra i 3 miliardi e gli 8,1 milioni di euro, con un fatturato nel complesso di oltre 45 miliardi di euro. Decisamente ampie risultano anche la copertura settoriale e la rappresentatività territoriale: sono infatti 53 i comuni dei 55 della provincia con almeno una azienda in classifica.

I numeri dell’economia del territorio

Analizzando i comuni “top” per totale ricavi, Monza risulta il comune più ricco, con 10 miliardi di euro di fatturato complessivo e si trova al primo posto in classifica anche per numero di aziende residenti: 149 aziende, il 18,6% del totale. Il secondo comune per fatturato è Vimercate con 7 miliardi di euro e 73 aziende residenti, seguito da Agrate Brianza con 4,5 miliardi e 51 aziende. Aggregando i comuni in ambiti territoriali omogenei, il comune di Monza racchiude un quinto della classifica delle Top 500+, in termini sia di fatturato sia di numero delle aziende. La zona Monza e Brianza Est, con comuni come Vimercate e Agrate Brianza, presenta la più alta concentrazione di fatturato (41,4) e numero di aziende (38,8%) della TOP500+.

Macrosettori

Dall’analisi emerge la forte vocazione produttiva del territorio: l’Industria, infatti, è presente per il 53 % con 421 imprese e con ricavi ben oltre i 27,5 mld di euro. Dopo l’Industria, il macrosettore più presente è il Commercio per il 35,8% con 286 imprese con ricavi per oltre 14 mld e infine i Servizi per l’11,6% con ricavi per 3,3 mld di euro. Del resto, il manifatturiero della provincia è il cuore pulsante del comparto in Lombardia: da solo, nel 2016, ha messo a segno un valore delle esportazioni record sopra i 9 miliardi di euro.

Leggi anche:  MontebellunaWeek è la 69esima testata del Gruppo Netweek

Concentrazione di imprese da record

“Monza e Brianza rappresenta una parte rilevante del sistema produttivo lombardo e, a cascata, italiano. Qui, sono attive più di 73 mila unità locali di imprese, cioè l’8% della Lombardia. Oltre 260 mila gli addetti, di cui 81 mila del settore manifatturiero. Grazie a questi numeri, la Provincia vanta una concentrazione territoriale di imprese da record: ben 180 per chilometro quadrato, un unicum in Italia” – afferma Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda.

Una delle aree più vivaci della Lombardia

“Monza e Brianza è, quindi, una delle aree più vivaci che fanno da traino alla ripresa lombarda, e i numeri lo dimostrano: +2,0% la crescita della produzione manifatturiera nei primi nove mesi del 2017 (+3,2% quella lombarda, due volte e mezzo il ritmo di un anno fa); +21,8% l’export nei primi sei mesi del 2017, tre volte la crescita dell’intera Lombardia (+7,8%); +29% le brillanti esportazioni nel complesso mercato UE” – conclude Bonomi.