Combattere l’inquinamento da interno grazie all’azione delle piante mangia smog. E far comprendere alle nuove generazioni l’importanza del verde per la salute. Si può e si prova… a Biassono

Piante mangia smog in classe a Biassono

L’obiettivo del progetto “Il benessere a scuola attraverso il verde”, promosso dall’Associazione Florovivaisti di Milano, Lodi, Monza Brianza in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Sant’Andrea di Biassono è quello di sensibilizzare gli studenti, le loro famiglie e i loro amici sull’importanza della qualità dell’aria e della salute.  L’iniziativa coinvolge oltre 700 ragazzi di scuola primaria e secondaria di tutti e tre i plessi dell’istituto: Sant’Andrea, Aldo Moro e Pietro Verri.

Gli inquinanti più diffusi

Si stima che ogni giorno – spiega la Coldiretti – nei Paesi sviluppati una persona passi fino al 90% del proprio tempo in un ambiente chiuso, dove viene a contatto con diversi tipi di inquinanti tra cui ad esempio benzene, formaldeide, xilene ma anche gas di combustione e polveri sottili. È quindi importante migliorare la qualità degli ambienti: le piante, grazie alla loro capacità di assorbimento, possono aiutarci a pulire l’aria e a respirare meglio.

Leggi anche:  Scuole, centro storico e Villa Tittoni: quasi quattro milioni di investimenti

Una pianta in ogni classe

Gli studenti coinvolti nel progetto, circa 700, hanno assistito alla presentazione da parte degli esperti riguardo ai benefici delle piante negli ambienti chiusi. E poi hanno ricevuto dai florovivaisti degli esemplari da curare in classe nel corso dell’anno scolastico. In particolare Spatifilium, Ficus Alii, Dracaena Marginata e Ficus Benjamin, tutti capaci di ridurre inquinamento e stress.  Ogni pianta agisce su particolari tipi di inquinanti: ad esempio il Ficus Benjamina riesce ad assorbire il fumo, il benzene e la formaldeide.

La presentazione al pubblico

L’iniziativa è stata illustrata in un incontro pubblico da Tiziano Cozzaglio, Presidente dell’Associazione Florovivaisti interprovinciale, Letizia Bernardo, ricercatrice ed esperta in tecnologie e tecniche agrarie dell’Università Cattolica di Piacenza. Insieme alla dirigente dell’Istituto Comprensivo Sant’Andrea e al sindaco di Biassono.