Una innovativa iniziativa ha preso il via nelle scuole medie di Trezzo. E’ legata alla  pet therapy, ovvero, la terapia di cura e socializzazione basata sulla presenza e sull’affetto degli amici a quattro zampe.

Pet therapy nel segno dell’inclusione

Il nuovo progetto educativo promosso dalla media dell’Istituto comprensivo Ai Nostri Caduti è rivolto alle scolaresche con ragazzi diversamente abili. Il corso, a cura del centro «AllDogs» di Concesa, si articola in cinque incontri per classi, uno ogni settimana, durante i quali gli alunni imparano a interagire e a prendersi cura dei cani, guidati dall’addestratore Maurizio Scarpellini.

Gli amici a quattro zampe sono saliti in cattedra

Sono i labrador, «Joker» e «Harley» e un cucciolo di flat retriever, «Kate», gli animali selezionati per l’attività, razze socievoli abituate a stare coi ragazzi. Scarpellini ha mostrato agli studenti varie tecniche di addestramento, ha insegnato a rispettare i cani, ma anche le persone che non possiedono un amico a quattro zampe, spiegando poi le regole finalizzate a una buona convivenza civile.

L’articolo completo sul prossimo numero della Gazzetta dell’Adda in edicola da venerdì 2 marzo.