Oggi i lavoratori della Mediaworld hanno dichiarato uno sciopero nazionale di 8 ore. In corso fino alle 12 un presidio con volantinaggio davanti al punto vendita di Verano Brianza, in via Furlanelli.

Vertenza Mediaworld i lavoratori in presidio a Verano

Lo sciopero è stato indetto dopo che l’azienda infatti ha comunicato di voler chiudere gli store di Grosseto e Milano stazione Centrale, oltre a voler effettuare il trasloco della sede da Curno a Verano Brianza (con il conseguente trasferimento di 500 dipendenti), unitamente al fatto di tagliare unilateralmente il premio sulle maggiorazioni domenicali.

I trasferimenti

“L’unica soluzione proposta da Mediaworld – fanno sapere Filcams Cgil- Fisascat e Uiltucs – in alternativa ai licenziamenti dei dipendenti, delle aree in solidarietà e dei punti vendita in chiusura, è il trasferimento sui punti vendita di tutto il territorio nazionale tra cui l’unica nuova apertura del punto vendita di Chivasso (TO). Tali trasferimenti comporterebbero probabilmente condizioni peggiorative come avvenuto nei recenti casi analoghi”.

E i licenziamenti

“E inaccettabile – continuano le sigle sindacali – che Mediaworld chiuda negozi all’improvviso minacciando trasferimenti a centinaia di chilometri di distanza che costringerebbero i lavoratori a licenziarsi. Dietro ogni lavoratore c’è una famiglia ed un progetto di vita che devono essere rispettati”.

Leggi anche:  Alvise Biffi, il nuovo Presidente della Piccola Industria di Confindustria Lombardia

E ancora “Gli errori del gruppo dirigente non possono pagarli le lavoratrici e i lavoratori: chiediamo investimenti nella rete vendita e nel servizio al cliente che garantiscano il futuro occupazionale”.