Giornale di Monza > Attualità > Parroco di Monza messo in croce dal popolo di Facebook
Attualità Monza -

Parroco di Monza messo in croce dal popolo di Facebook

Don Eligio Ciapparella ha invitato i divorziati e i conviventi a non accostarsi alla Comunione

Parroco di Monza messo in croce dal popolo degli internauti. Una polemica innescata da una dichiarazione di Don Eligio Ciapparella, in occasione della messa di domenica scorsa. Il parroco, infatti, ha invitato i divorziati e i conviventi a non accostarsi alla Comunione. Ma siamo andati oltre la polemica, cercando di incontrare il diretto interessato.

La vicenda

«Venite, vi aspettavo…». Ci accoglie così, in sacrestia alla fine della messa delle 9 del lunedì dell’Angelo, Don Eligio Ciapparella, parroco di San Fruttuoso. Don Eligio, è uno di quei preti cui non piace certo annoiarsi. Con il rischio, suo malgrado, di non passare inosservato nei suoi messaggi ai fedeli. Con il rischio, come in questo caso, di scatenare un polverone di polemiche.

La polemica

Tutta colpa di quell’avviso, durante la messa di Pasqua, lanciato dal pulpito poco prima della comunione.
«Il parroco ha invitato i fedeli non sposati, conviventi, divorziati, a non avvicinarsi all’altare per ricevere il corpo di Cristo» la denuncia lanciata da un parrocchiano domenica pomeriggio sulla piazza virtuale di Facebook. Tanto è bastato a scatenare i leoni della tastiera, schierati con centinaia e centinaia di commenti all’attacco o in difesa del sacerdote.

Leggi anche:  Crisi? La Rollon di Vimercate conquista il Giappone

Sul Giornale di Monza in edicola da oggi, martedì 18 aprile, e nell’edizione sfogliabile per pc, smartphone e tablet, la notizia completa.

Un Commento

  • Giovanni Maio ha detto:

    Questa è la dottrina cattolica di sempre. Che motivo c’è di mettere in croce il parroco? Facciamo una dottrina come piace a noi..?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente