Giornale di Monza > Attualità > Processione del Sabato Santo a Concorezzo, FOTO E VIDEO
Attualità Vimercate -

Processione del Sabato Santo a Concorezzo, FOTO E VIDEO

Stamattina, sabato, alle 6, oltre un migliaio di fedeli si sono riversati nelle strade della città per la processione con il Crocifisso

Stamattina, sabato, una folla oceanica di  oltre un migliaio di fedeli ha partecipato alla processione delle 6 del mattino del sabato santo.

Una tradizione che continua da anni e che per l’occasione  ha visto il ritorno in città dell’ex parroco don Pino Marelli. Il sacerdote ha presieduto il momento di preghiera, iniziato all’alba con la recita del Santo Rosario e proseguito con la processione con il Crocifisso per le via della città.

Le foto

Fede e Tradizione

Un silenzio condiviso in attesa della risurrezione di Cristo che verrà celebrata questa sera, sabato, alle ore 21, nella chiesa dei Santi Cosma e Damiano, durante la veglia Pasquale.
Oltre a don Pino, erano presenti anche il parroco don Angelo Puricelli, monsignor Giovanni Frigerio e i vicari don Aldo Ripamonti e don Stefano Buttinoni.

Una processione che ha raccontato di una comunità viva e frizzante, che ha voluto dirsi vicina alla Chiesa presente nel mondo. Una grande partecipazione che ha coinvolto grandi e piccini.

Leggi anche:  Concorezzo: nudi sul balcone, arrivano i carabinieri

Preghiamo per la pace

Prima dell’inizio della processione, l’ex parroco, dopo aver letto il brano di Vangelo, ha ringraziato don Angelo Puricelli per averlo invitato alla processione.

L’ex parroco ha chiesto di pregare per la pace. Chiaro il riferimento alla precaria situazione mondiale e alla minaccia di un nuovo conflitto bellico tra Stati Uniti e Corea del Nord.  “Chiediamo a Dio Crocifisso di liberare il mondo dalle guerre e dagli uomini che fanno le guerre – ha continuato don Pino – Salvaci dal terrorismo e dai terroristi e liberaci dal male”.

Ed ora la comunità cristiana concorezzese attende la risurrezione del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente