Giornale di Monza > Cronaca > Mansarda incendiata è paura per due bambini – GALLERY
Cronaca Carate -

Mansarda incendiata è paura per due bambini – GALLERY

Serata di terrore a Costa Lambro di Carate

Terrore nella serata di ieri, sabato, per una mansarda incendiata

L’allarme

Erano da poco passate le 23 quando è scattato l’allarme in via Lombardi di Costa Lambro, frazione di Carate. Diversi vicini, ma anche gli adulti in casa, hanno visto le fiamme e il fumo decidendo così di avvisare o il 112. In breve tempo sul posto sononque mezzi dei Vigili del fuoco per mettere in sicurezza la mansarda incendiata.

La ricostruzione

Secondo quanto è stato possibile apprendere durante quei concitati minuti e nelle ore successive, ad appiccare l’incendio sarebbe stato un bimbo di 13 anni, che vive nella casa e la cui camera si trova proprio nella mansarda. Con lui abita il fratello, la mamma e il compagno di quest’ultima. Non è chiaro come il piccolo abbia dato vita alle fiamme. Si ipotizza una sigaretta o un corto circuito o persino un incidente.

Lo spaventoso rogo

Fatto sta che nel giro di pochi minuti agli occhi di tutti c’era una mansarda incendiata e ben cinque mezzi dei Vigili del fuoco provenienti da Monza, Carate, Desio e Seregno all’opera per soffocare le fiamme e mettere tutti in salvo con l’ausilio del 118. Il ragazzino intanto si era rifugiato sul balconcino, evitando così l’intossicazione che invece ha colpito, seppur lievemente, il compagno della madre.

La paura

Appena viste le fiamme, inevitabilmente il pensiero è corso alla tragedia di Como con il relativo terrore che ci potessero essere delle vittime. Per fortuna, nonostante il forte spavento, le cose si sono risolte relativamente bene. Mansarda incendiata a parte, il resto della casa non ha subito particolari danni e, come si diceva, l’unico infortunato lieve per un principio di intossicazione è stato l’uomo. Sani e salvi invece i due minori e la mamma.

Leggi anche:  Encomio per due agenti di Busnago

(Foto Daniele Bennati)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente