Giornale di Monza > Cultura e turismo > Seveso, solidarietà con “Pane in piazza”
Cultura e turismo Seregno -

Seveso, solidarietà con “Pane in piazza”

Obiettivo raccogliere fondi per l'Opera Don Guanella

Torna in città “Pane in piazza”. La manifestazione, giunta alla sua 13esima edizione, è organizzata dai panificatori di Seveso dell’Unione Commercianti con il patrocinio dell’Amministrazione comunale ed è stata presentata ieri in conferenza stampa nella sede dell’Unione Commercianti.

Domenica 23 sarà quindi possibile acquistare i sacchetti contenenti quattro pagnotte, prodotte ciascuna da un panificatore sevesino. Il pane verrà venduto sui sagrati del santuario e della chiesa di San Pietro e su quelli delle chiese Beata Vergine Immacolata (Baruccana), SS. Gervaso e Protaso (Seveso centro) e San Carlo (Altopiano).

Un aiuto per i più poveri

Obiettivo della manifestazione è raccogliere fondi da destinare all’Opera Don Guanella, che gestisce un Centro di Promozione Umana a San Miguel Teotongo, nella periferia di Città del Messico. Il Centro accoglie giovani, adulti, anziani e disabili estremamente poveri e privi di assicurazione medica. Il denaro raccolto servirà per rimodernare il già esistente laboratorio di panetteria e pasticceria, ma anche per realizzare la costruzione di una caffetteria, vista l’assenza per i pazienti di uno spazio per rifocillarsi.

Leggi anche:  La mappa delle emozioni al centro civico San Gerardo

I grandi protagonisti

Come da tredici edizioni, i grandi registi sono i panificatori cittadini che realizzeranno ciascuno un pane diverso. “Ci sarà pane di soia, di grano duro, di grano saraceno e con semi di sesamo e papavero” spiega il panettiere Luigi Baio, protagonista insieme agli altri titolari dei panifici, Luciano Tagliabue, Massimo Santambrogio e i fratelli Marco e Fabio Spreafico. “A loro va il mio più grande ringraziamento – afferma il sindaco Paolo Butti – Ormai questo evento è una tradizione ed è un momento in cui viene mostrata la grande solidarietà del popolo sevesino”. “Come il grano e l’acqua che formano il pane sono simboli di vita, questo gesto è volto a portare una nuova vita per le persone più in difficoltà” commenta Eugenio Picozzi, presidente Confcommercio dell’Associazione Territoriale di Seveso. Saranno 800 i sacchetti destinati alla vendita. Obiettivo è superare il ricavato di 2800 euro dello scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente